Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I cattolici hanno cambiato i Dieci Comandamenti?

Joel-Kramer-CC
Condividi

No, state tranquilli…

Domanda: Oggi mi sono trovato in mezzo a una discussione religiosa e mi è stato chiesto perché i nostri comandamenti sono diversi dalla versione protestante. Potete aiutarmi?
Risposta: I nostri 10 Comandamenti non differiscono dalla versione protestante a livello di contenuto. C'è semplicemente una differenza nel modo in cui sono organizzati. I primi due comandamenti protestanti sono: 1) Io sono il Signore tuo Dio, non avrai altro Dio all'infuori di me; 2) Non ti farai alcun idolo… non ti inchinerai davanti a loro né li servirai. E il loro ultimo comandamento è semplicemente “Non desidererai”.

I primi due comandamenti nella versione cattolica sono: 1) Io sono il Signore tuo Dio, non avrai altro Dio all'infuori di me; 2) Non nominare il nome di Dio invano. E i nostri ultimi comandamenti sono: 9) Non desiderare la donna d'altri; 10) Non desiderare la roba d'altri.

I protestanti combinano quindi il nostro numero 9 e il nostro numero 10 nel loro numero 10, mentre noi combiniamo il numero 1 e il numero 2 dei protestanti nel nostro numero 1. Alcuni dicono che i cattolici lasciano deliberatamente fuori il riferimento agli idoli che troviamo nel secondo comandamento protestante per poter adorare le nostre statue e ogni tipo di sciocchezze, il che è probabilmente ciò a cui voleva arrivare la persona con cui stavi parlando, ma puoi far vedere a chiunque la pagina 496 del Catechismo della Chiesa Cattolica e mostrargli che non abbiamo lasciato fuori il divieto di adorare gli idoli.

Nella colonna di sinistra di quella pagina, troverai l'intero primo comandamento scritto per come appare al capitolo 20 dell'Esodo. A sinistra c'è la versione lunga, in mezzo quella più breve e a destra la versione tradizionale per la catechesi. Noti la menzione degli idoli nel primo comandamento?

In sostanza, semplicemente non scriviamo tutto perché sappiamo che inchinarci (adorare) davanti agli idoli ricade nel concetto di “Non avrai altro Dio all'infuori di me”. Allo stesso modo, i protestanti abbreviano il comandamento sul desiderio. Vai alla pagina 497 del Catechismo (o al capitolo 20 dell'Esodo) e guarda tutte le cose incluse nella sezione “Non desidererai”. I protestanti non scrivono tutte quelle cose, dicono solo “Non desidererai”.

Significa che hanno messo da parte i Comandamenti per poter in realtà desiderare alcune cose? No. Si capisce che “Non adorerai” copre tutte quelle cose, come i cattolici capiscono che “Non avrai altro Dio all'infuori di me” significa che non dobbiamo adorare gli idoli come falsi dei.

Indovinate poi chi ha scritto un catechismo che aveva un primo e un secondo comandamento esattamente uguali a quelli cattolici? Martin Lutero. Nel suo “Il Piccolo Catechismo” (un catechismo pensato principalmente per i bambini), elencava i primi due comandamenti esattamente come fanno i cattolici. E i protestanti si lamentano mai che Martin Lutero abbia cambiato i Dieci Comandamenti? Non credo proprio.

John Martignoni è un apologeta cattolico e studioso della Bibbia. È fondatore e presidente della Bible Christian Society, dove si può trovare una gran quantità di materiale apologetico – CD, mp3 da scaricare, e-newsletter e altro – e ospite del programma di EWTN “Open Line”. È anche direttore dell'Ufficio per la Nuova Evangelizzazione della diocesi di Birmingham (Alabama, Stati Uniti).

[Traduzione dall'inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.