Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Perché i cattolici confessano i propri peccati a un sacerdote e non direttamente a Dio?

Fr-Lawrence-Lew-OP-CC
Condividi

Dio sa cosa provo. Non è sufficiente?

Perché i cattolici confessano i propri peccati a un sacerdote anziché direttamente a Dio?

La risposta immediata sarebbe perché è il modo in cui Dio vuole che lo facciamo. In Giacomo 5,16, Dio, attraverso la Sacra Scrittura, ci dice: “Confessate perciò i vostri peccati gli uni agli altri”. La Scrittura non dice di confessare i propri peccati direttamente a Dio, ma a un altro.

In Matteo 9,16, Gesù ci dice che gli è stata data autorità sulla terra per perdonare i peccati, e al versetto 8 ci viene detto che questa autorità è stata data agli “uomini”, al plurale.

In Giovanni 20,21-23, qual è la prima cosa che Gesù dice ai suoi discepoli riuniti la sera della sua resurrezione? “Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch’io mando voi”. Come è stato inviato dal Padre Gesù? In Matteo 9 abbiamo visto che il Padre ha inviato Gesù con autorità sulla terra per perdonare i peccati. Gesù invia i suoi discepoli come il Padre ha inviato Lui, quindi con quale autorità Gesù ha inviato i suoi discepoli? Con l’autorità sulla terra di perdonare i peccati. E solo nel caso in cui non lo capissero, prosegue in Giovanni 20,22-23: “Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi”.

Perché Gesù avrebbe dato ai suoi discepoli il potere di perdonare o non rimettere i peccati se non avesse pensato che le persone si sarebbero confessate con loro? E come avrebbero potuto perdonare o non rimettere i peccati se nessuno avesse confessato loro i propri peccati?

La Bibbia ci dice di confessare i nostri peccati gli uni agli altri. Ci dice anche che Dio ha dato autorità agli uomini sulla terra di perdonare i peccati. Gesù manda i suoi discepoli con autorità sulla terra di perdonare i peccati.

Quando i cattolici confessano i propri peccati a un sacerdote, stanno semplicemente seguendo il progetto stabilito da Gesù. Egli perdona i peccati attraverso un sacerdote. È il potere di Dio, ma egli lo realizza attraverso il ministero del sacerdote.

John Martignoni è un apologeta cattolico e studioso della Bibbia. È fondatore e presidente della Bible Christian Society, dove si può trovare una gran quantità di materiale apologetico – CD, mp3 da scaricare, e-newsletter e altro – e ospite del programma di EWTN “Open Line”. È anche direttore dell’Ufficio per la Nuova Evangelizzazione della diocesi di Birmingham (Alabama, Stati Uniti).

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni