Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 16 Settembre |
Santi Cornelio e Cipriano
home iconArte e Viaggi
line break icon

Il film “Fury”? Un racconto di formazione

© Lucky Red

L'Osservatore Romano - pubblicato il 03/06/15

Eroismo e umanità del nemico nel nuovo film con Brad Pitt ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale

di Emilio Ranzato

Nel 1945, a guerra quasi finita, un plotone americano guidato dal sergente Collier (Brad Pitt) è impegnato in una missione nel cuore della Germania nazista, ormai al tramonto ma non del tutto rassegnata. Nonostante l’esperienza del militare, gli uomini al suo servizio sono tutt’altro che preparati e professionali, a partire dal mitragliere Ellison (Logan Lerman), inizialmente arruolato come dattilografo e refrattario a qualsiasi ordine. Questa missione di pochi giorni sarà un indimenticabile viaggio all’inferno e ritorno soprattutto per lui. Anche perché il plotone si ritroverà presto isolato contro il redivivo esercito nemico.
Brad Pitt in una scena del film
Il regista David Ayer, già autore di Harsh times (I giorni dell’odio) del 2005 e sceneggiatore di Training day, del 2001, firma un altro film in stimolante bilico fra esigenze commerciali e pretese d’autore. Infatti a dispetto di un soggetto che rischia di assomigliare a quello del ridicolo peplum 300, l’eroismo è soltanto uno dei tanti ingredienti che la sorprendente sceneggiatura scritta dallo stesso regista riesce a tenere insieme con grande equilibrio e credibilità, senza cioè dare l’impressione del cocktail preparato a tavolino. 

Se si sceglie di raccontare la guerra contro i nazisti, è perché si vuole mostrare un conflitto il più possibile necessario e in qualche modo inevitabile. Ma Ayer intelligentemente non si concentra mai sulla caratterizzazione dei soldati tedeschi, lasciando dunque l’immagine del nemico come qualcosa di astratto, e non entra neanche troppo nei dettagli della missione, favorendo così l’interiorizzazione della vicenda da parte dei personaggi e in particolare di quello che è il vero protagonista del film, l’ingenua recluta Ellison, coinvolto in un racconto di formazione tanto veloce quanto traumatico attraverso una guerra che finisce per rappresentare tutti gli orrori della storia.

E così fra molte scene d’azione coinvolgenti ma un po’ fracassone — e con un pesante effetto visivo della scia dei proiettili traccianti che ricorda il laser delle spade di Star wars, in un film in cui al contrario prevalgono sfumature plumbee e antispettacolari — Ayer si ritaglia sequenze intimiste fatte di mezzi toni. Come quella, davvero notevole, in cui il plotone si ferma a casa di una donna tedesca e di sua nipote dopo aver fatto una rapida perlustrazione. In meno di mezz’ora il regista condensa tutti i contraddittori e febbrili stati d’animo che attraversano la quotidianità durante la guerra: la violenza convive con un inaspettato ma comprensibile romanticismo, l’odio con la voglia di riconciliazione, gli istinti più bassi con uno spirituale desiderio di requie.

QUI L'ORIGINALE

Tags:
filmrecensione

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
5
Gelsomino Del Guercio
Don Ambrogio Villa: il demonio mi ha fatto vergognare durante un ...
6
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni