Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 24 Febbraio |
Beato Tommaso Maria Fusco
home iconApprofondimenti
line break icon

17 milioni di italiani alle urne. Per cosa?

© Public Domain

Città Nuova - pubblicato il 30/05/15

Si vota in sette regioni chiave, con ripercussioni a livello nazionale. Cosa cambia dopo l’“abolizione” delle province.

di Iole Mucciconi

Il 31 maggio 17 milioni di italiani sono chiamati al voto per rieleggere il presidente e il consiglio ragionale: tanti sono gli elettori delle sette regioni interessate, Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, Campania e Puglia. Lo stesso giorno si rinnoveranno anche 1.089 amministrazioni comunali, salvo attendere possibili ballottaggi fissati per il 14 giugno, per l’elezione dei sindaci dei comuni con più di 15 mila abitanti. Tra questi, alcuni capoluoghi di provincia: Venezia, Trento, Bolzano, Agrigento, Arezzo, ad esempio.

A proposito di province, queste elezioni coinvolgono anch’esse, seppur non direttamente. Sappiamo che la “legge Delrio”, benché nota per aver “abolito” le province, in realtà le ha molto ridimensionate nelle funzioni e nel personale e ha trasformato alcune di loro (Roma, Milano, Torino, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli e Reggio Calabria) in città metropolitane, irrobustendone le responsabilità. Riguardo gli organi, la nuova legge ha eliminato l’elezione diretta dei presidenti e dei consigli provinciali, introducendo un’elezione di secondo grado, alla quale partecipano i sindaci e i consiglieri dei comuni della provincia. Inoltre, è nato il collegio dei sindaci, composto da tutti i sindaci del territorio provinciale. Pertanto, anche se tali nuovi organi provinciali sono stati eletti lo scorso 12 ottobre, almeno in parte saranno coinvolti dal rinnovo di sindaci e consigli comunali.

Ma a intrecciare le vicende di regioni, comuni e province concorrono anche profili più sostanziali, che riguardano l’effettiva entrata in vigore del nuovo assetto provinciale. Qui si cominciano a registrare gli italici ritardi: al 31 marzo, data stabilita dalla legge Delrio per il varo delle leggi regionali attuative, solo tre regioni avevano ottemperato. Dal primo gennaio, inoltre, per opera della legge di stabilità, le province si sono trovate un miliardo in meno di entrate per il 2015 (altri due sono previsti per il 2016 e tre dal 2017), oltre al dimezzamento del personale in organico.

Combinando ritardi e tagli, è facile comprendere il generale livello di incertezza, che non si ferma alle province, ma investe anche comuni e regioni, anch’essi per di più provati da entrate ridimensionate e fisco aumentato, un paradosso che nasce dalla destinazione statale di una bella fetta di entrate locali, a partire dall’Imu.

Insomma, le prossime elezioni si svolgono in un quadro davvero complicato. Eppure l’informazione è generalmente focalizzata sugli aspetti che riguardano le candidature alle regionali, dove si svolgono partite che si ripercuotono sulla politica nazionale e che riguardano sia il profilo dei singoli candidati, sia le alleanze o le rotture di coalizioni.

Naturalmente per i cittadini è importantissima la sorte del governo nazionale, ma è altrettanto importante il governo degli enti territoriali; speriamo che laddove si svolgono le elezioni, la campagna elettorale sappia riaccendere l’interesse alla partecipazione e sfidare l’astensionismo.

QUI L'ORIGINALE

Tags:
elezioni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
KISS
Carlos Padilla
Curate così il vostro matrimonio e non ve ne pentirete mai
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
5
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
6
POPE JOHN PAUL II
Gelsomino Del Guercio
Pensieri sugli angeli di Giovanni Paolo II. “Sono esseri-pe...
7
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Purgatorio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni