Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 26 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
home iconChiesa
line break icon

San Domenico, guida nel terzo millennio

Province of Saint Joseph CC

Regina Magazine - pubblicato il 29/05/15

L'ispirazione per il rinnovamento di oggi

di Beverly De Soto

Sono quasi 800 gli anni che separano la sua morte dalla mia nascita, ma rivendico Domenico di Guzmán come mio maestro, tanta è l'influenza di questo spagnolo nato nella rurale Calaruega, vicino all'abbazia benedettina di Santo Domingo de Silos, nel 1169.

Educato a Palencia, Domenico è protagonista di una leggenda relativa a un fatto che si sarebbe svolto nel 1191 durante una carestia. Il giovane Domenico diede via il suo denaro e vendette i suoi abiti, i suoi mobili e preziosi manoscritti per nutrire i suoi vicini affamati. Sembra che abbia detto ai suoi colleghi studenti: “Non posso studiare su pelli morte (cioè le pergamene) mentre delle persone vive muoiono di fame”.

I suoi genitori, Juana e Felix, erano “onorevoli e ricchi”, e alcuni dicono che venivano da una branca minore della grande famiglia nobile dei Guzmán. La madre di Domenico, Juana d'Aza, è stata beatificata da papa Leone XII nel 1828. Si dice che prima della nascita di Domenico Juana abbia compiuto un pellegrinaggio all'abbazia e lì abbia sognato che un cane saltava dal suo grembo portando una fiaccola in bocca e “sembrava infiammare la terra” (1).

Incontro con i catari
Nel 1194, quando aveva circa 25 anni, Domenico si unì ai Canonici Regolari Agostiniani. Dieci anni dopo accompagnò il vescovo in missione diplomatica in Danimarca. Gli inviati viaggiarono attraverso l'Aragona e il sud della Francia. Lì incontrarono i catari, una setta religiosa eretica con convinzioni gnostiche e dualistiche che si stava diffondendo nella Francia meridionale. Sarebbe stato un incontro singolarmente di buon auspicio per la Chiesa.

I catari assomigliavano un po' ai culti moderni per il fatto che sottolineavano il vegetarianesimo e il vivere in modo “puro”. Fortemente elitisti, i loro seguaci aspiravano ad essere “illuminati” – ovvero ritenevano di avere un accesso privilegiato a verità spirituali superiori. Disprezzavano la sessualità e la vita familiare, pretendendo di concentrarsi solo su “beni spirituali” invisibili. Si chiamavano “i puri” dalla loro dea nota come la Pura, la “Vergine Grande Creatrice Madre Maria”.

Nascita dei Domenicani
L'influenza dei catari era particolarmente sentita nelle città emergenti dell'epoca, e Domenico rispose con un nuovo concetto di un ordine religioso che combinasse dedizione ed educazione sistematica, con maggiore flessibilità organizzativa rispetto sia agli ordini monastici che al clero secolare dell'epoca.

Sottomise anche se stesso e i suoi compagni alle regole monastiche della preghiera e della penitenza, e il vescovo locale Foulques diede loro per iscritto l'autorità di predicare nel territorio di Tolosa. Nel 1215, Domenico vi si stabilì con sei seguaci. Nel gennaio 1217 ricevettero l'approvazione papale per l'Ordine dei Predicatori (“Ordo Praedicatorum” o “O.P.”, noto popolarmente come Ordine Domenicano).

Domenico “l'Inquisitore”
Nonostante il fatto che Domenico sia morto nel 1221, dieci anni prima che venisse istituita l'Inquisizione nel 1231, “Domenico l'Inquisitore” divenne una delle figure più famose della “leggenda nera” relativa alla Spagna.

Gli storici ora concordano sul fatto che i polemisti protestanti del XVI e XVII secolo hanno creato e perpetuato la leggenda di Domenico l'Inquisitore. Questa immagine ha dato ai protestanti tedeschi che criticano la Chiesa cattolica un'argomentazione contro l'Ordine Domenicano, la cui predicazione si era rivelata un oppositore formidabile nelle terre della Riforma.

Secondo il suo biografo Guiraud, il vero Domenico conduceva una vita austera, “osservava regolari digiuni e periodi di silenzio”, sceglieva “gli alloggi peggiori e i vestiti più modesti” e “non si permetteva mai il lusso di un letto”.

“Quando viaggiava, ingannava il tempo con istruzioni spirituali e preghiere”, e “non appena passava i confini di città e villaggi si toglieva le scarpe, e per quanto aguzze fossero le pietre o le spine, arrancava scalzo”. “La pioggia e altri disagi non gli strappavano altro che lodi a Dio”.

I “cani di Dio” nel terzo millennio della cristianità
Forse non dovrebbe stupire nessuno che siano i Domenicani – frati, sorelle attive e suore – a guidare il cammino nel terzo millennio della cristianità. In netto contrasto con le loro controparti moderniste, le vocazioni alle comunità domenicane ortodosse stanno aumentando in tutto il mondo – soprattutto in Nordamerica e in America Latina –, con giovani uomini e donne che rispondono alla chiamata ad essere insegnanti e predicatori. Da persona che ha studiato dai Domenicani decenni fa, posso dire che il mondo è veramente fortunato.

FAMOSA DISPUTA TRA SAN DOMENICO E I CATARI: I libri di entrambi vennero gettati tra le fiamme, ma gli scritti di Domenico miracolosamente si salvarono.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
domenicani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
4
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
5
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni