Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 14 Maggio |
San Mattia
home iconArte e Viaggi
line break icon

Perché c’è spesso un gatto nei dipinti dell’Ultima Cena?

© Public Domain

don Antonio Rizzolo - Credere - pubblicato il 29/05/15

Rappresenta forse il male o il demonio stesso?

Gentile direttore, sono un'appassionata di arte e, quando posso, sfolgio molte riviste. Sono rimasta colpita da un aspetto: nei dipinti raffiguranti l'Ultima Cena c'è spesso un gatto. Perché?
Anna P., Udine

In molti dipinti, anche medievali e rinascimentali, il gatto appare semplicemente come un animale domestico e ha una funzione decorativa. In qualche caso, però, può assumere un significato simbolico, in particolare nelle raffigurazioni dell'Ultima Cena, e allora rappresenta il male o il demonio stesso. Questo lo si deduce dal fatto che viene messo talvolta vicino a Giuda, diventando così immagine del diavolo che “durante la cena aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradire Gesù” (cfr. Giovanni 13,2).

Questo si vede, ad esempio, nell'affresco del Ghirlandaio nel museo di San Marco (Firenze) o nel dipinto di Jacopo Bassano alla Galleria Borghese di Roma. Giuda è riconoscibile perché tiene in mano il sacchetto con i trenta denari.

In altri dipinti il gatto è raffigurato mentre fronteggia un cane, ad esempio nell'affresco di Cosimo Rosselli nella Cappella Sistina o nel dipinto del Romanino nel refettorio di Santa Giustina a Padova. Il cane era diventato nel Medioevo simbolo di fedeltà ed è quindi probabile che lo scontro con il gatto alluda alla lotta tra il bene e il male.


In effetti, nell'Ultima Cena Gesù anticipa la sua passione e morte, descritta come la vittoria di Cristo sul principe di questo mondo, il diavolo, la vittoria dell'amore sul male sull'odio. Comunque, al di là del significato simbolico negativo che talvolta assume, il gatto non ha nulla di diabolico, è una creatura di Dio da amare e che sa ricambiare l'affetto che riceve.  

Tags:
arte cristianagiuda
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni