Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconChiesa
line break icon

È possibile il funerale in chiesa per un defunto che è stato cremato?

© Don LaVange / CC

https://www.flickr.com/photos/wickenden/4068696971

Toscana Oggi - pubblicato il 27/05/15

La cremazione resta ugualmente una «soluzione» di serie B per la Chiesa?

Sollecitata da un fatto di cronaca di questi giorni (le ceneri di un defunto non sono state ammesse in chiesa per il funerale) sorge spontanea la domanda: perché? Certamente sono esistenti regole canoniche che non conosco ma, oltre queste, sarebbe interessante sapere le motivazioni che sono a monte e se alla luce di nuove prassi potrebbero  essere cambiate.  La cremazione resta ugualmente una «soluzione» di serie B per la Chiesa? Intuisco che tutto questo riguarda la concezione del corpo dopo la morte e la sua resurrezione ma per tutti i corpi dispersi nel corso dei secoli come la mettiamo?
Lettera firmata

Risponde padre Valerio Mauro, docente di Teologia sacramentaria
La cremazione dei corpi dei defunti si sta diffondendo sempre più nel mondo occidentale. Di fronte a questa realtà la Chiesa ha già cominciato a elaborare risposte pastorali che tengano insieme la fede apostolica con il dovere di servire il popolo di Dio nelle sue attese spirituali e umane. Storicamente, l'uso della cremazione nel nostro mondo occidentale appare prevalentemente segnato da un timbro di ateismo o di rifiuto della fede cristiana, inducendo la Chiesa a manifestare la propria contrarietà. Oggi, per vari motivi, tale scelta è condivisa da molti credenti e non deve essere per forza considerata come un'opzione contraria alla fede. Questo cambiamento di prospettiva ha fatto venir meno l'opposizione della Chiesa. Varie Conferenze Episcopali hanno provveduto all'elaborazione di indicazioni liturgiche per vivere alla luce della fede la memoria dei defunti anche attraverso questa pratica.

Nel 2007 la Conferenza episcopale italiana, attraverso la Commissione episcopale per la liturgia, ha pubblicato un sussidio pastorale che integra il fondamentale rituale per le esequie. Il sussidio si intitola Proclamiamo la tua risurrezione e prevede nel IV capitolo liturgie particolari per i funerali in caso di cremazione. Prendendo come punto di riferimento questo testo ufficiale della Chiesa italiana, possiamo trovare una risposta adeguata alle domande della lettrice. Il rito funebre previsto si compie davanti al corpo del defunto, prima della sua cremazione.

È questa la forma canonica di ogni funerale cristiano, che racchiude nella sua simbologia molti contenuti di fede. Certamente è in gioco la fede nella risurrezione dei morti, come indica la lettrice, che ha perfettamente ragione quando allude a varie situazioni estreme che non possono certamente pregiudicare l'evento e la fede della risurrezione. Ma il primo punto da considerare è il valore del corpo umano, un valore singolare sia dal punto di vista prettamente antropologico che sotto la luce della Rivelazione. Parafrasando Gabriel Marcel, grande filosofo cattolico francese, noi siamo un corpo, piuttosto che avere un corpo. Il corpo è la fondamentale mediazione di ogni persona umana, luogo di ogni relazione. Per questo la dignità della persona umana è onorata anche attraverso i gesti di rispetto e pietà che sono riservati al corpo dei defunti. Nel battesimo i nostri corpi sono divenuti «tempio dello Spirito santo» (cf 1Cor 6,9).

Il Vangelo, infine, attesta la cura mostrata verso il corpo di Gesù, secondo la tradizione ebraica. Per questi e altri motivi fin dall'inizio la fede cristiana ha elaborato gesti e riti che «mentre esprimono il congedo rituale dalla persona amata, aiutano parenti e conoscenti ad affrontare ed elaborare i loro sentimenti» (Sussidio pastorale Proclamiamo la tua risurrezione, p. 115).

  • 1
  • 2
Tags:
cremazioneliturgia

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
3
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni