Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 20 Giugno |
Beata Vergine Maria Consolatrice
home iconChiesa
line break icon

Quando Dio parla al suo popolo?

Public Domain

Liturgia "Culmen et Fons" - pubblicato il 25/05/15

Cristo ci parla sempre nelle Sacre Scritture?

La Costituzione liturgica Sacrosanctum Concilium afferma: Cristo è sempre presente nella sua Chiesa, in modo speciale nelle azioni liturgiche… è presente nella sua parola, giacché è Lui che parla quando nella Chiesa si leggono le sacre Scritture (SC 7). Questa breve affermazione contiene in estrema sintesi il mistero di Dio, che parla al suo popolo. Occorre però estrarre dalla semplicità e condensazione dell’espressione quegli aspetti impliciti, che costituiscono le condizioni essenziali, perché tale mistero si attui nella pienezza dei suoi elementi. Si tratta quindi di evidenziare tali contenuti e di argomentare su di essi.

1. … quando nella Chiesa si leggono le sacre Scritture… Non basta quindi che siano lette le sacre Scritture perché Lui parli, è necessario che siano lette nella Chiesa. Ovviamente ciò non vuol dire che la proclamazione debba avvenire nell’edificio sacro, dove normalmente si celebra. Tutti comprendono che l’espressione nella Chiesa rimanda ad un orizzonte più vasto e ad un contenuto teologico ben più profondo. Le sacre Scritture sono lette nella Chiesa quando il popolo di Dio è convocato e le sacre lettere risuonano nella santa assemblea. Lì Dio parla al suo popolo, perché lì il popolo di Dio è presente, ascolta e risponde col canto e la preghiera (SC 33). Questo avviene soprattutto nella celebrazione liturgica, ossia quando si verificano le condizioni per la convocazione, qui ed ora, del popolo di Dio in quanto tale. Infatti, non ogni raduno sociologico di natura cultuale per quanto esteso, realizza immediatamente la presenza della Chiesa come tale. È allora importante comprendere la differenza tra la lettura individuale della sacra Scrittura da parte del singolo o di un gruppo di fedeli per quanto possa essere numericamente consistente e la sua proclamazione pubblica nell’azione liturgica, quando la Chiesa come tale è convocata ed è operante. Nella lectio divina individuale o comunitaria si tratta di un dialogo tra Dio e i singoli fedeli, considerati nella loro individualità, mentre nella proclamazione liturgica della Parola vi è il dialogo di Dio con il suo popolo, ossia con la Chiesa, una, santa, cattolica ed apostolica.

2. L’espressione nella Chiesa afferma poi il necessario rapporto tra la sacra Scrittura, la sacra Tradizione e il Magistero. Infatti, i misteri rivelati non sono contenuti nella sola Scrittura, ma anche nella sacra Tradizione e, l’una e l’altra, ricevono la garanzia di una retta interpretazione dal Magistero della Chiesa. La comprensione delle sacre lettere deve essere conforme al sentire di tutta la Tradizione ecclesiale, che a sua volta integra il deposito della fede con l’apporto di contenuti non sempre espliciti nelle sacre Scritture. È allora necessario accogliere la sacra Tradizione nelle sue due dimensioni fondamentali, quella interpretativa delle Scritture e quella integrativa delle medesime, perché la Chiesa attinge la certezza su tutte le cose rivelate non dalla sola Scrittura (DV9). Ora gli elementi costitutivi della liturgia della parola assicurano l’equilibrata composizione tra Scrittura, Tradizione e Magistero.

In particolare:
– Il lezionario, che unisce con determinati criteri le lezioni dell’Antico e del Nuovo Testamento col testo evangelico, manifesta il modo di intendere le Scritture da parte della Chiesa e offre ai fedeli il senso e la prospettiva degli eventi salvifici. Più il lezionario è antico e costante nella storia, più rivela la continuità della Tradizione.
– I formulari liturgici (prefazi, orazioni, ecc.) dichiarano anch’essi il tenore della Tradizione secolare della Chiesa e danno una chiave di lettura in ordine ai testi biblici proclamati.
– La scelta di specifiche lezioni per le varie solennità, feste e tempi sacri è pure un indice importante per comprendere l’interpretazione ecclesiale dei misteri della fede alla luce delle sacre Scritture.
– L’omelia ha lo scopo primario ed essenziale di integrare i testi biblici con i dati della Tradizione e illuminare i fedeli nell’interpretazione autentica, conforme al Magistero vivo, norma prossima della fede. Potrà anche, per quanto possibile, avviare un processo di attualizzazione della Parola, ma questo aspetto non è così indispensabile come il primo, in quanto l’attualizzazione ha la sua sede propria nella coscienza personale di ogni fedele.
– La professione di fede assicura l’integrazione dei misteri e dei loro aspetti particolari, di volta in volta celebrati, nell’orizzonte plenario della Rivelazione.
– La preghiera universale immette nelle situazioni contingenti della storia il lievito della parola di vita eterna, proclamata nella liturgia, ed eleva la supplica corale per ottenere da Dio la restaurazione in Cristo di tutte le cose.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
bibbia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni