Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Mamma, dobbiamo dargli da mangiare!

© Facebook
Condividi

Un bimbo di 5 anni fa piangere un intero ristorante con un atto di solidarietà

Penso che Ava Faulk non avrebbe mai immaginato che portare suo figlio in un ristorante di waffles lo avrebbe fatto conoscere a livello mondiale.

Josiah Duncan è un bambino di cinque anni che negli ultimi giorni ha attirato su di sé l'attenzione della rete.

Insieme alla mamma stava mangiano alla Waffle House di Prattville (Stati Uniti) quando ha notato che un uomo con i vestiti sporchi stava fuori dal ristorante con un sacco in mano.

Josiah si è subito incuriosito e preoccupato.

“Che vuol dire?”, ha chiesto.

Ava ha risposto al figlio che l'uomo non aveva una casa, il che ha suscitato ancor di più l'interesse del bambino. Dopo aver capito che l'uomo era un senzatetto e che probabilmente nessun parente o amico si interessava a lui, Josiah si è arrabbiato scoprendo che l'uomo non aveva da mangiare.

“Mamma, dobbiamo dargli da mangiare”, ha detto.

La madre ha raccontato che è stata felice di poter appoggiare il figlio nell'aiutare una persona bisognosa. “Egli [il senzatetto] è entrato e si è seduto, ma nessuno è andato da lui. Allora Josiah è andato al suo tavolo e gli ha chiesto se aveva bisogno di un menù, perché nessuno riesce a fare un'ordinazione senza averne consultato uno”, ha riferito alla WSFA-TV.

Josiah e la madre hanno detto all'uomo che avrebbe potuto ordinare qualsiasi cosa, anche una buona porzione di pancetta. In quel momento, ha rivelato Ava, 11 persone erano ferme nel ristorante a guardare tutta la scena.

È stato però quando è arrivato il cibo che il bambino ha fatto piangere tutti.

La mamma ha rivelato che è stato un ultimo gesto di solidarietà che ha fatto venire le lacrime agli occhi a tutti i presenti. Quando è arrivato il cibo, Josiah ha infatti cantato una benedizione appassionata in mezzo al ristorante.

“Dio, nostro Padre… Dio, nostro Padre, ti ringraziamo… Ti ringraziamo, per le nostre tante benedizioni… per le nostre tante benedizioni. Amen, amen!”

“L'uomo ha pianto. Io ho pianto. Tutto il ristorante ha pianto”, ha raccontato Ava. Appena finito di mangiare, l'uomo ha lasciato il ristorante. Il suo destino è incerto, ma sicuramente non dimenticherà mai Josiah.

“Sarà sempre uno dei maggiori risultati come madre che potrò mai testimoniare”, ha concluso Ava.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni