Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconNews
line break icon

Irlanda? Una crisi causata dal clericalismo

Daniel Dudek-Corrigan-cc

Aleteia - pubblicato il 25/05/15

Per capire meglio cosa sta accadendo ai paesi a maggioranza cattolica dopo la caduta del Muro di Berlino

All'indomani del referendum irlandese circa i matrimoni gay proponiamo una riflessione del professor Massimo Borghesi, ordinario di filosofia morale all'università di Perugia, tratta dal suo volume "Critica della Teologia politica" (edito da Marietti nel 2013), decisamente attuale. 

"L’89 ha segnato il tramonto di quella identificazione tra religione e nazione che trovava il suo punto di forza nell’opposizione al totalitarismo comunista. Il caso della Polonia è certamente emblematico. Assurta a valore di modello negli anni di Solidarnosc la Polonia cattolica, posta sotto l’insegna della Madonna di Czestochowa, pareva rivivere il sogno messianico di Adam Mickiewicz. Raccolta sotto il mantello ecclesiale la società polacca ritrovava una sua unità, di credenti e non credenti, nella comune opposizione al potere comunista. Tutto questo doveva però declinare con la disgregazione di quel potere. La Polonia, dagli anni ’90 in avanti, si è avviata verso un processo sociale e di costume del tutto analogo a quello degli altri Paesi europei. Il consenso accordato in precedenza alla Chiesa, dovuto al fatto che era l’unica autorità morale in grado di opporsi al regime, è venuto meno nel nuovo quadro democratico-liberale. Il modello nazional-religioso della fede va in crisi trovando, in ciò, la Chiesa largamente impreparata. Come ha osservato il filosofo Karol Tarnowski la difficoltà presente della Chiesa polacca risiede nella «paura della libertà», nella «pigrizia mentale», nell’incapacità di superare la posizione di rendita che le derivava dall’occupare lo spazio dell’opposizione .

Il clericalismo, favorito dall’indebita identificazione tra Chiesa e nazione, determina, nel contesto nuovo, un processo di autochiusura, una incapacità di dialogo e di incontro documentata dal fatto che la gran parte del mondo giovanile risulta non sensibile, o addirittura avversa, ai richiami ecclesiali. Il risultato è che il cattolicesimo tradizionale diviene sempre più una mondo a parte, sequestrato, in qualche modo, dai richiami nostalgici e autoritari di Radio Maryja. Il modello nazional-religioso dimostra il suo limite, la sua incapacità a confrontarsi con un orizzonte aperto e pluralista di società favorito dal moto di globalizzazione.

Nell’Europa del post-’89 un caso analogo a quello della Polonia è stato quello dell’Irlanda «cattolica». Anche in questo caso una nazione fortemente connotata in senso identitario-religioso, per la sua tradizionale lotta di indipendenza contro l’Inghilterra protestante, ha assistito, nel corso degli ultimi anni, ad una crisi ecclesiale senza precedenti. Un Chiesa che aveva consegnato la sua appartenenza all’identità irlandese e ad un messaggio incentrato soprattutto sulla dottrina morale si è trovata allo scoperto sia per gli scandali che hanno investito il clero, sia per il venir meno della polemica antiprotestante privata del suo terreno dagli accordi tra cattolici e protestanti, nell’Irlanda del Nord, favoriti dal presidente americano Clinton e dal governo inglese di Tony Blair. Il risultato è l’abbandono della Chiesa e la crisi della fede nelle giovani generazioni.

Il caso polacco così come quello irlandese documentano, pertanto, la crisi dei modelli nazional-religiosi, eredità, in qualche modo, del romanticismo dell’800" (pagine 278-279).

Tags:
clericalismoirlanda
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni