Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Gemma Galgani, un’atleta di Dio che lottò contro il demonio

© Public Domain
Condividi

"Dopo che il demonio partì, andai in camera; mi sembrava di morire..."

Da «Gli Angeli Ribelli» di don Giuseppe Tomaselli (1902-1989)

Tra le Sante che in questo secolo hanno illuminato la Chiesa di Gesù Cristo, è da mettere santa Gemma Galgani (1878-1903), vergine lucchese. Gesù la ricolmò di specialissimi favori, apparendole di continuo, istruendola nell’esercizio delle virtù e confortandola con la compagnia visibile dell’Angelo Custode. Il demonio si rodeva di furore contro la Santa; avrebbe voluto impedire l’opera di Dio; non riuscendo, tentava di disturbarla e d’ingannarla. Gesù preavvisò la sua serva: sta’ in guardia, o Gemma, perché il demonio ti farà grande guerra. Il demonio infatti le si presentava in forma umana. Tante volte egli la batté fortemente con un grosso bastone o con dei flagelli. Santa Gemma non di raro cadeva a terra per il dolore e, narrando il fatto al suo direttore spirituale, diceva: Come batte forte quel brutto chiappino! Il peggio è che mi picchia sempre in un posto e mi ha prodotto una larga ferita! – Un giorno che il demonio l’aveva conciata bene a furia di botte, la Santa pianse assai.

Narra essa nelle sue Lettere: «Dopo che il demonio partì, andai in camera; mi sembrava di morire; giacevo a terra. Gesù subito venne ad alzarmi; dopo mi prese in braccio. Che momenti! Soffrivo… ma godevo! Come ero felice!… Non so spiegarlo! Quante carezze mi fece Gesù!… Anche mi baciò! Oh, il caro Gesù, quanto si è umiliato! Pare impossibile».

Il demonio, per distoglierla dalla virtù, finse di essere il suo confessore ed andò a mettersi nel confessionale. La Santa apriva la sua coscienza; ma si accorse dai consigli che quel tale era il demonio. Invocò fortemente Gesù e il maligno sparì.

Più di una volta il demonio prese le sembianze di Gesù Cristo, ora flagellato ed ora messo in Croce. La Santa s’inginocchiava a pregarlo; però da certe smorfie che vedeva fare e da certe parolacce, capiva non essere quegli Gesù. Allora si rivolgeva a Dio, aspergeva un po’ di acqua benedetta e subito spariva il nemico nell’anima sua. Un giorno si lamentò col Signore: Vedi, Gesù, come mi inganna il demonio? Come potrei conoscere se sei tu o è lui? – Gesù rispose: Allorché vedi le mie sembianze, dici subito: Benedetto Gesù e Maria! – ed io ti risponderò allo stesso modo. Se sarà il demonio, non pronunzierà il mio nome. – Difatti la Santa, all’apparire delle sembianze del Crocifisso, esclamava: Benedetto Gesù e Maria! – Quando era il demonio a presentarsi in tale forma, la risposta era: Benedetto… – Scoperto, il diavolo spariva.

Pagine: 1 2

Tags:
diavolo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni