Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 08 Marzo |
Sante Perpetua e Felicita
home iconArte e Viaggi
line break icon

C’è un messaggio nascosto di Michelangelo nella Cappella Sistina?

© Grzegorz GALAZKA / SIPA

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 22/05/15

La risposta di Sara Magister al Festival biblico di Vicenza

Perchè l'albero del Bene e del Male raffigurato sulla volta della Cappella Sistina è un fico e non un melo? Nasce da questa domanda e da altre sottolineature a proposito delle immagini della cappella più famosa del mondo il libro “I segreti della Sistina. Il messaggio proibito di Michelangelo”, scritto a due mani dall’esperto di Talmud, Blech Benjamin, e dal ricercatore di storia dell’arte Roy Doliner (in Italia è stato pubblicato da Bur nel 2012). C’è davvero un messaggio segreto del grande artista del Rinascimento negli affreschi della Cappella Sistina, il luogo in cui si svolge il conclave per eleggere i pontefici della Chiesa cattolica e dove arrivano ogni anno milioni di visitatori per ammirare la sconcertante potenza pittorica del Giudizio universale? Aleteia lo ha chiesto alla storica dell’arte Sara Magister che ne parlerà nello spazio “Linfa dell’Ulivo”, un focus di approfondimento promosso dall’Ufficio Pellegrinaggi della Diocesi di Vicenza propone, all’interno della XI edizione del Festival Biblico sul tema “Custodire il Creato, coltivare l’umano” in corso nella città veneta.

Qual è la tesi degli autori del libro?

Magister: Doliner e Blech sostengono che Michelangelo abbia nascosto dei messaggi segreti filo-ebraici nella volta della Cappella Sistina per contrapporsi a quella che era, secondo gli autori del libro, la natura intollerante, oscurantista, secolarizzata e corrotta della Chiesa cattolica dell’epoca. Analizzando il volume e confrontandolo con gli studi  più autorevoli sulla Cappella Sistina mi sono resa conto che questa tesi non ha alcuna base scientifica. D’altra parte, se negli affreschi ci  fossero dei riferimenti alla Cabala e alla cultura ermeutica ebraica – fino ad oggi non esistono degli studi scientifici in merito – non sarebbe sorprendente: contrariamente alla visione stereotipata accreditata in alcuni ambienti culturali, la Chiesa del Rinascimento era più che propensa ad assimilare all’interno di quella che era la cultura religiosa dell’epoca altre culture, quella classica in primo luogo, ma anche quella ebraica. Proprio allora iniziava lo studio dell’ebraico per la lettura della Bibbia in lingua originale e quello della Cabala. Piuttosto l’inserimento di riferimenti di questo tipo – sempre se fosse dimostrato – sarebbe stato autorizzato dalla Chiesa stessa a dimostrazione dell’esistenza della sola Verità professata dai cattolici. Gli umanisti e i teologi dell’epoca che studiavano le culture diverse dalla cattolica erano convinti che tali culture potessero supportare la verità cristiana.

Quali sono gli elementi che segnalano il dialogo con le altre culture?

Magister: Intanto i riferimenti classici, innanzitutto nelle forme. Giovanni Paolo II definì la Sistina come un “santuario della teologia del corpo umano” ed è evidente nei corpi bellissimi classici, a partire da quello di Adamo, così come nei misteriosi ignudi che in realtà sono figure allegoriche che circondano le storie della Creazione e denotano l’attenzione alla bellezza intesa come congiunzione tra armonia morale e fisica, recuperando ciò che già i greci e i romani avevano elaborato sia a livello concettuale che formale. Anche le figure classiche delle Sibille, che sono oracoli pagani, vengono proposte – sulla scorta di una lunga tradizione che ha le sue radici nel Medioevo ma in maniera ancora più rilevante all’interno della Sistina -, per tracciare un parallelo tra la cultura cristiana e quella classica evidenziando come in questa si vedano in nuce dei semi di ricerca di conoscenza già orientati nell’attesa di un Messia che coincide con Gesù.

  • 1
  • 2
Tags:
cappella sistina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
6
MADONNA
Maria Paola Daud
La curiosa immagine della Vergine Maria protettrice dal Coronavir...
7
Paola Belletti
Laura Magli, giornalista Mediaset: “Mi sento così amata dal...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni