Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Le case di Mosul”

© The Sun / Aleteia
Condividi

Intervista al cantante dei "The Sun" Francesco Lorenzi

E il video, com'è stata la collaborazione con Aleteia?
Lorenzi: Ho raccontato le mie impressioni ad Andrea Scorzoni, responsabile artistico di Aleteia, al quale mi lega un rapporto fraterno e anche professionale: il mio racconto deve averlo colpito perché ha deciso di proporlo ad Aleteia che lo ha coprodotto. C'è voluto del tempo per dare spazio alla riflessione: nel toccare questi temi c'è sempre il rischio di cadere nel particolare shock e mancare, anche inconsapevolmente, di rispetto a chi questa tragedia la vive sulla propria pelle. Da qui è nata l'idea di sviluppare la tecnica di mix tra immagini reali e al computer che dialogano tra di loro. Un lavoro lungo e complesso ma che ci dà la possibilità di esprimere con intensità e rispetto quanto abbiamo condiviso. Un intento che, a giudicare dalle prime reazioni, è stato recepito da chi guarda il video e accoglie un messaggio contro l'indifferenza nel mondo… C'è chi scrive nei commenti online che abbiamo avuto coraggio,  ma io non sono d'accordo. Credo che sia solo ciò che è giusto dire e fare oggi, ma in questa epoca parlare di impegno, di non indifferenza, ti fa apparire coraggioso.Aleteia, però, lo fa quotidianamente, quindi sono grato di aver trovato dei fratelli in questo…

Tu e i The Sun conoscete bene la situazione della Terra Santa, avete anche suonato lì. Avete mai pensato ad altri luoghi del Medio Oriente per la vostra testimonianza?
Lorenzi: C'è il desiderio di portare la musica a persone che hanno bisogno di normalità. In Palestina, quando ci è stato richiesto e ne abbiamo avuto la possibilità, abbiamo suonato mettendo insieme musulmani e cristiani. Per il concerto di Betlemme, tuttavia, ci sono voluti mesi di preparazione per coordinarci con chi era sul campo: la musica deve servire a mettere insieme le persone..

Che ricordi hai della Palestina?
Lorenzi: Abbiamo avuto il modo di essere portati da persone che ci hanno permesso di capire e che nonostante il conflitto lavorano per la pace. Le azioni del Papa l'anno scorso nel suo viaggio e ora con il riconoscimento spero porti a risultati felici, anche se è una strada tortuosa….

Prossimi appuntamenti dei The Sun?
Lorenzi: L'album “Cuore Aperto esce il 16 giugno e la tourné inizierà invece il 18 di giugno con diverse tappe. Ci sono due versioni: una standard e una deluxe con un doppio album con inediti e un dvd con oltre un'ora di filmati del nostro viaggio in Terra Santa. Se i primi sono con Sony questo è autoprodotto e l'abbiamo scelto per avere un prodotto che ci rappresentasse di più. Il 19 apriremo noi l'evento di benvenuto al Papa a Torino in piazza San Carlo.

 

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni