Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Santi Quirico e Giulitta
home iconNews
line break icon

Che cos’è PrayerBox?

© prayerbox.co

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 18/05/15

Un social network per pregare gli uni per gli altri. La novità? Viene dalla Nigeria

Adebambo Oyekan Oyelaja è un giovane programmatore nigeriano che ha deciso di impegnare il suo talento per creare una start up tecnologica nel campo della fede, nel suo paese martoriato dalle costanti aggressioni dei Boko Haram: un paese, la Nigeria, che è diviso in due – tra cristiani e musulmani – praticamente a metà, con tutte le difficoltà che questo può comportare.

Di cosa parliamo?
Quando racconta del suo progetto, cioé di PrayerBoxche ha già 40 mila iscritti e 300 mila preghiere già condivis,e dice: “PrayerBox è uno strumento semplice attraverso il quale gli utenti possono condividere preghiere e richieste, testimonianze e attività religiose con i loro amici e le persone da ogni angolo del mondo si può pregare l'uno per l'altro, rimanere in contatto con le proprie chiese, fare l'elemosina direttamente alla struttura prescelta”. "PrayerBox funziona come Twitter – conclude il 27enne Adebambo Oyekan Oyelaja – si creano account, ci si segue, si postano preghiere e si leggono quelle degli altri, seguendo la loro timeline. Invece di un retweet o una risposta gli utenti possono scrivere un Amen. Si possono poi pubblicare testimonianze, scambiarsi messaggi privati. Le chiese possono infine creare pagine tramite cui aggiornare i fedeli su orari, sermoni, programmi ed eventi” (Repubblica, 13 maggio).

Africa e tecnologia
Prayerbox ci dice due cose: primo che l'Africa è capace di costruirsi da sola la propria fortuna e che l'innovazione può arrivare anche dal cuore di un continente che viene raccontato troppo spesso solo come un luogo di disperazione e fame e in secondo luogo che la fede ha raccolto la “sfida” della rete ormai ovunque, ed ovunque nascono progetti di socialità, di condivisione, di comunicazione e di contatto come PrayerBox. Un esempio è l'italiana iClesia, di cui vi avevamo accennato qui. Ma anche noi stessi – Aleteia – siamo una comunità che raccoglie il meglio che la rete e l'informazione può offrire alla fede e alla riflessione per poi ricondividerlo in forme nuove.

Tags:
app della fedenigeria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
6
POWELL BROTHERS
Sarah Robsdotter
Il video di un bambino che canta al fratellino Down diventa viral...
7
Aleteia
Chi sorride così al momento della morte?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni