Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Agosto |
Sant'Alfonso Maria de' Liguori
home iconNews
line break icon

Le donne dovrebbero desiderare questo “uomo”?

© HommeMystere.com

La Croce - Quotidiano - pubblicato il 16/05/15

Sempre più donne dichiarano di ritrovare la libido davanti a compagni in reggiseno...

di Silvia Lucchetti

Che pizza 'sta moda effeminata per gli uomini! E' possibile che ormai molti capi maschili siano così simili a quelli di noi donne?

Mi capita sempre più spesso di trovarmi nel reparto uomo di un negozio e di vedere t-shirt con paillettes, tessuti elasticizzati e lucidi, giacche con i brillantini e pantaloni aderenti tipo muta da sub. Possono definirsi pantaloni quelli? Sono leggins, lo sono davvero! Io adoro la moda e non voglio fare polemiche, ma credo sia sano e utile mantenere ben distinti i capi di abbigliamento, ci sono quelli per lui e quelli per lei. Non mi attrae la confusione e non mi piace che gli uomini indossino cose che ho anche io nell'armadio.

Tuniche dai colori improbabili, canotte retate e corte, pantaloni più simili a fusò per fare il plié e il gran plié per andare a lavoro. Tutto questo è terribile! Abbiamo già assistito alla depilazione di gambe, petto, braccia, pancia, ascelle ed altro, alle sopracciglia ritoccate di tutti quei disgraziati che sono cascati nelle grinfie di estetiste sciagurate e fidanzate dalle pinzette facili. Sguardi da malvagi, non da principi azzurri o da passionali latin lover. Sappiatelo: quando vi rifanno le sopracciglia i vostri occhi ci fanno paura, diventano come quelli che raffigurano i bambini di due anni se gli chiedi di disegnare un mostro. E se a ritoccarvele sono le vostre ragazze, scappate più lontano che potete: vi vogliono come loro. Uomini, v'incontriamo in palestra talmente lampadati che la vostra carnagione assume un color giallo senape o bordeaux marrone, con stacchi di collo bianco appena sotto la barba e tatuaggi sparsi a casaccio dappertutto. Vi ritroviamo, con tristezza, in fila in profumeria per pagare creme contorno occhi, kajal, antirughe, oli, tinte per capelli, rassodanti, tonificanti, scrub…e poi ormai fate la manicure, la pulizia del viso, lo sbiancamento dei denti. Non se ne può più! Quando cesserà questa catastrofe? Quando tornerete ad essere uomini? Liberi da fronzoli, vezzi, che vi rendono più femminili di noi?

Ma non è finita qui, perché di questi tempi va di moda la promiscuità, l'ambiguità, la confusione sessuale. L'ultima trovata è quella di un'azienda, la HommeMystere, che ha lanciato una collezione di lingerie maschile. Avete letto bene: capi intimi da donna fatti per l'uomo. Forse la colpa è pure della famosa frase, detta e ripetuta centinaia di volte: “caro vorrei che ti sentissi come mi sento io”. Detto, fatto! L società australiana mette a disposizione dell'acquirente una serie di indumenti femminili come: reggiseni o reggi pettorali, culotte, reggicalze, tanga, body, babydoll, corredati da trasparenze, pizzi, merletti, fiocchi e fiorellini. Da rabbrividire. Mi ha fatto venire in mente il film What women want, con Mel Gibson ed Helen Hunt. Mel è chiuso nel suo bagno e tenta goffamente e contro voglia, cerca addirittura di ubriacarsi per riuscire nell'impresa, di provare alcuni prodotti femminili, tra cui rossetto e collant, per farsi venire un'idea pubblicitaria geniale da proporre al suo capo sul quale vuole fare colpo. Grasse risate, ma era un film, finzione. Non realtà a portata di clic.

“Un numero sempre più grande di uomini stanno scoprendo il comfort di una lingerie leggera – leggiamo dal sito ufficiale – HommeMystere comprende il desiderio di un intimo fatto con cura, attenzione al dettaglio e creato per vestire il corpo maschile perfettamente”. La galleria fotografica mostra corpi maschili e femminili vestiti uguali, con completini intimi “sexy” dello stesso colore e modello, e vi sono impresse scene che variano dal sadomaso al gioco delle cuscinate sul lettone con perizoma e reggiseno color pastello. L'uomo ad ogni scatto appare sempre più ridicolo, viscido, fuori luogo. Fa impressione. Non vi è nulla di virile e aitante. Sono foto grottesche che rimandano ad un senso di inadeguatezza, scompostezza e ambiguità. Il Fatto Quotidiano on line titola: “Reggiseno e lingerie sexy per uomini, strano ma vero: riaccende il desiderio”. Quale desiderio? A me fa pensare solo alla confusione sessuale, al narcisismo, all'autocompiacimento, al senso di onnipotenza, quel voler essere tutto, uomo e donna, e provare ogni cosa senza alcun limite. “A prescindere, per riaccendere il desiderio divertendosi, la trovo un'idea spiritosa e sicuramente sorprendete. E se il vostro uomo ha i baffi o la barba e si aggiunge un tocco di rossetto, l'effetto può essere ancor più eccitante. O no?”. Conclude l'articolo de Il Fatto.

“I nostri prodotti non sono dedicati a categorie specifiche, non ci interessa che la nostra clientela sia gay, eterosessuale, vegetariana, repubblicana, anglicana, marziana o qualunque altra cosa: produciamo semplicemente seducente e lussuoso intimo da uomo” dichiara l'azienda che reputa limitante per l'uomo un intimo composto da tradizionali boxer, mutande, canottiere e magliette. Sembra ormai obsoleto il detto: “l'omo ha da puzzà!”. Per la cronaca, noi femminucce ci accontentiamo della normale igiene quotidiana, non vi vogliamo tutti lisci e depilati. Un uomo “ha da profumà” ma senza mai essere troppo…noi.

Tags:
ideologia gendermoda
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni