Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Giovanni Giuseppe della Croce
home iconNews
line break icon

Juanito, il bambino che vive grazie a tre cuori

Facebook Maritza Vega

El Pueblo Católico - pubblicato il 13/05/15

La donazione di organi dopo la morte è un atto nobile e meritevole

A prima vista sembra un bambino qualsiasi, ma in realtà è molto speciale. Ha una fede incrollabile e ha sperimentato la grandezza di Dio ricevendo il miracolo della vita attraverso il donatore di un cuore. Si chiama Juan Flores Vega.

Quando Maritza era incinta di Juanito, tutto sembrava normale. Poco dopo la nascita, il bambino ha iniziato a mostrare segni di una mancanza di ossigeno come risultato di un problema cardiaco che avrebbe messo in pericolo la sua vita.

Il neonato è stato trasportato d'urgenza all'ospedale pediatrico, dove gli è stata diagnosticata una sindrome che in base alle statistiche si verifica solo in un caso ogni 7.000 bambini. “È nato con le arterie incrociate, con la sindrome di Goldenhar”, ha commentato la mamma, Maritza Vega.

Juanito è stato sottoposto a tre operazioni di ricostruzione con la speranza di salvare il suo cuore. Al terzo intervento, l'arteria coronaria sinistra è stata intaccata e il piccolo, che allora aveva tre anni, ha dovuto essere collegato a una macchina che gli assicurava una vita artificiale. Juan aveva bisogno di un trapianto immediato, altrimenti sarebbe morto.

Il primo trapianto

Dopo una settimana in lista d'attesa, Juanito ha ricevuto un cuore. La mamma ha condiviso la storia in un'intervista rilasciata a El Pueblo Católico: “Juan ha un tipo di sangue poco comune e per la gravità delle sue condizioni ha potuto ricevere un cuore molto rapidamente. Il suo cervello non è stato danneggiato”, ha ricordato Maritza.

Juantio è tornato a vivere come un bambino qualsiasi della sua età, praticando anche dello sport. “Andavamo in vacanza, sempre con grande cautela ma svolgendo le attività normali”, ha ricordato la mamma.

La ricaduta

Con il tempo, il bambino ha iniziato a mostrare un rigetto del nuovo cuore. In un arco di dieci anni si sono presentati vari episodi, che hanno lasciato l'organo donato estremamente danneggiato. Il piccolo ha iniziato a smettere di mangiare, si sentiva stanco e ha cominciato a perdere peso rapidamente. Presentava inoltre un colore azzurrognolo al volto per mancanza di ossigeno. Erano gli indizi che il cuore che Juan aveva ricevuto stava per fare gli ultimi battiti.

“Non riuscivo a fare più di cinque passi senza sentire come se mi addormentassi. Quando volevo correre non ci riuscivo. Mi sentivo molto triste perché dovevo stare a letto e non potevo giocare come volevo”, ha ricordato Juanito.

Fede rafforzata

A quasi 14 anni, Juanito è stato inserito nuovamente nelle liste per ricevere quello che sarebbe diventato il suo terzo cuore.

“La nostra fede si è rafforzata nella misura in cui abbiamo avuto bisogno di Dio. Egli era lì con noi”, ha assicurato Maritza.

Juanito, dal canto suo, ha commentato: “Molti giorni mi chiedo perché questo sia successo a me. Non credo che i miei genitori avrebbero voluto un figlio bisognoso di tanta attenzione, ma non posso risolvere nulla, le cose sono come sono”.

Dio ha un proposito per Juanito

Dopo molteplici interventi e due trapianti, Juan ora è più forte. Il secondo trapianto è stato un successo. Sono trascorsi cinque anni e il suo cuore continua a battere senza presentare alcun problema.

Regala vita attraverso la donazione di organi

A Juan è stata data l'opportunità di vivere grazie alla decisione presa dalla famiglia del donatore. È per questo che esorta la comunità ispanica a registrarsi come donatori di organi e tessuti. “È una decisione molto difficile da prendere, ma può salvare altre vite come la mia”, ha detto.

Juan si è mostrato molto grato nei confronti della famiglia del donatore: “Il mio cuore per me è molto importante perché mi ha dato una nuova opportunità di stare in questo mondo e di trovare lo scopo per il quale Dio mi ha messo qui in queste condizioni”.

Juanito attualmente studia e sta lavorando per alterare il motore di un'automobile visto che sogna di correre con le auto. Anche lui è un donatore registrato.

Dati ufficiali

Ecco alcuni numeri in base alle informazioni ufficiali fornite da Angélica Barajas, coordinatrice di portata multiculturale di Donor Alliance, organizzazione senza scopo di lucro che favorisce la donazione e il trapianto di organi e tessuti in Colorado e in parte del Wyoming (Stati Uniti).

* Ogni giorno 12 persone si aggiungono alla lista di attesa per ricevere trapianti di organi nel Paese.

* Ogni giorno 18 persone muoiono per la mancanza di donatori disponibili.

* Un solo donatore di organi può salvare fino a 8 vite, un donatore di tessuti può guarire fino a 100 persone.

* A livello nazionale, più di 120.000 persone sono in attesa di un trapianto che salvi loro la vita.

* Le donazioni all'interno della stessa razza o dello stesso gruppo etnico tendono ad avere più successo.

Cosa dice la Chiesa sulla donazione di organi?

“La donazione di organi dopo la morte è un atto nobile e meritorio ed è da incoraggiare come manifestazione di generosa solidarietà. Non è moralmente accettabile se il donatore o i suoi aventi diritto non vi hanno dato il loro esplicito consenso. È inoltre moralmente inammissibile provocare direttamente la mutilazione invalidante o la morte di un essere umano, sia pure per ritardare il decesso di altre persone” (Catechismo della Chiesa Cattolica, n2296).

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
trapianti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni