Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 15 Gennaio |
San Cleopa
home iconChiesa
line break icon

Un miracolo di monsignor Romero?

© Marvin RECINOS / AFP

Pictures of Archbishop Oscar Romero in the center of San Salvador on February 3, 2015. Monsignor Romero was declared a martyr by the Francisco Pope in the Vatican. Photo: AFP / MARVIN RECINOS

Jaime Septién - Aleteia - pubblicato il 04/05/15

Le maras che operano a El Salvador offrono alcune giornate di pace prima della beatificazione

Almeno il 23 maggio prossimo e le settimane precedenti alla beatificazione di monsignor Óscar Arnulfo Romero Galdámez, per decisione delle principali bande (maras) che operano a El Salvador, potrebbero essere giornate di pace.

Le maras lo hanno proposto al Governo salvadoregno chiedendo in cambio che cessi l'azione delle forze dell'ordine, che questi gruppi, che hanno estese ramificazioni in America Centrale e in Nordamerica, definiscono “repressione” nei loro confronti.

Dicono inoltre di accettare un piano di rieducazione dalle loro operazioni criminali e un periodo di reinserimento e riabilitazione, mentre si stabilisce il dialogo perché a El Salvador “ci sia meno violenza”.

Le quattro grandi

In un comunicato sulla cui autenticità non ci sono ancora certezze, le maras dicono che si tratta del “regalo che vogliamo fare a monsignor Romero per la sua beatificazione: il nostro pentimento e la richiesta di perdono alla società per tutti i danni provocati”.

Il testo rappresenterebbe l'opinione di bande come Mara Salvatrucha (MS 13), Pandilla de Barrio 18, Mao Mao e Mirada Locos 13, che per gli esperti sono le quattro maras più importanti di El Salvador.

In questo senso, e come dimostrazione del loro “impegno” e della loro “buona volontà”, le maras propongono di cessare “da subito ogni tipo di attacco”. In cambio, chiedono al Governo salvadoregno “di porre fine agli abusi di autorità e alle azioni di sterminio che nella maggior parte dei casi vengono presentate come lotte tra bande”.

Nel loro comunicato, le bande hanno annunciato che “stiamo già diffondendo istruzioni di acquartieramento alle nostre unità, di immagazzinamento di armi e dotazioni e perché tutti, sia dentro che fuori le prigioni, si concentrino sullo studio e sulla discussione dei 13 punti che sono stati proposti (si tratta della proposta di Raúl Mijango, basata sul fatto di istituire due tavoli di dialogo, uno con le bande e un altro con il Governo salvadoregno e la società civile).

Secondo questi gruppi, si tratta di “ottenere consensi che permettano di rispondere in modo soddisfacente a quello che la società si aspetta da noi: meno omicidi, meno estorsioni; in definitiva, meno violenza”.

Nessuna esultanza

Per queste bande di giovani e adulti, che hanno fatto della violenza e dello scontro il proprio modus vivendi, le forze che li combattono camuffano le esecuzioni come lotte tra gruppi “quando in realtà ciò che accade è che prendono i nostri membri dalle loro case e poi li assassinano, simulano scontri e mettono armi in mano ai morti per giustificare i massacri”.

In questo senso, i portavoce di queste organizzazioni criminali hanno chiesto sostegno con un piano per riabilitare e reinserire i membri nella società. Anche se le autorità non si sono pronunciate al riguardo, il Governo di El Salvador ha mostrato una posizione ferma nella lotta alla delinquenza.

La dichiarazione delle maras non ha provocato gioia tra i salvadoregni, visto che non è ancora chiaro se non si tratti di una strategia cinica. Il popolo salvadoregno, inoltre, è stanco di sforzi per riabilitare i membri delle bande e preferisce che le autorità adottino una linea dura contro il crimine.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
oscar romerosanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni