Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Luglio |
San Pietro Crisologo
home iconNews
line break icon

Isis: Parolin, il Papa chiede di fermarlo ma non con le armi

HOANG DINH NAM/AFP

Agi - pubblicato il 25/04/15

invito al dialogo no a scontro di civiltà

di Salvatore Izzo

La posizione della Santa Sede e' sempre che  occorre "far prevalere 'la forza morale del diritto' su quella  'materiale delle armi'". Lo ha affermato, citando le parole di  "Benedetto XIV che ha fatto di tutto per scongiurare e poi per porre  fine alla Prima Guerra Mondiale", il segretario di Stato, Pietro  Parolin, nella "lectio magistralis" da lui tenuta a Padova, alla  Facolta' teologica del Triveneto. Secondo Parolin, e' in questa chiave  antibelligerante che va letta la richiesta di Papa Francesco alla  Comunita' Internazionale, ugualmente citata oggi dal segretario di  Stato, che sia "fermata l'avanzata delle forze del cosiddetto Califfato  nel nord della Siria".

Nella "lectio", Parolin si e' chiesto "cosa abbia spinto tanti  giovani europei a partire alla volta della Siria per unirsi a quanti  combattono usurpando il nome di Dio". "La risposta a questo  interrogativo – ha detto – potrebbe essere l'azione militare degli Stati  e l'invio di truppe a combattere contro di loro. Ma ci vuole una  risposta a lungo termine capace di colmare questo vuoto, questa  solitudine percepita da molti giovani nei loro Paesi europei". E,  secondo il segratrio di Stato, "la risposta a lungo termine sta nel  prendersi cura di questi giovani che sono alla ricerca di un ideale e  che vengono invece attratti dalla radicalita' della violenza, facendo  capire loro che ci sono altri modi per vivere la vita che non sia il  partecipare ad una guerra". In questo contesto, il cardinale ha  sottolineato "il vuoto dell'anima che si percepisce in quella parte  della gioventu' europea che sembra aver dimenticato quei valori propri  della civilta' cristiana e che l'argomentazione teologica ha potuto  sviluppare rendendoli parte della cultura dell'antico Continente". 

Islam: Parolin, Papa invita a dialogo, no a scontro civilta'
L'invito, piu' volte ripetuto da Papa  Francesco, al dialogo con l'Islam in un "clima di rispetto e fiducia  reciproca" e' stato fatto proprio oggi dal segretario di Stato Pietro  Parolin, in una "lectio magistralis" tenuta a Padova, alla Facolta' di  Teologia del Triveneto. "Chiaramente – ha aggiunto il cardinale – oggi  questo sforzo per la promozione dei diritti e dei doveri di tutte le  religioni deve essere compiuto anche in situazioni molto critiche, in  particolare nelle situazioni di conflitto in cui le cause vengono  attribuite al fattore religioso anche se esso e' presente il piu' delle  volte solo nominalmente". Secondo Parolin, "il dialogo interreligioso e' costruttore di pace e cioe' artefice di un'opera di grande respiro che  potrebbe iniziare nella didattica e nello studio delle Facolta' di  Teologia se esse saranno in grado di farne strumento non di  contrapposizione, ma di ricerca della verita'".
Per Parolin, la scommessa e' quella di "edificare una mentalita' e quindi una societa' sul lungo periodo". "Questo – ha spiegato – e' cio' che fanno molti missionari in ogni continente, quando si costruiscono scuole e ospedali, quando redigono grammatiche o dizionari, quandopromuovono lo sviluppo economico e sociale a vantaggio delle persone e  della loro dignita'". "Questo – ha rilevato il segretario di Stato – e' cio' che fa Papa Francesco attraverso i suoi ripetuti appelli alla pace  e alla misericordia, sia a Roma, che durante i suoi viaggi in Italia o  nel mondo". "Non e' questo che fa del Papa la quarta figura piu' influente del mondo nel 2014, secondo il Magazine Forbes?", si e' chiesto Parolin che ha pero' constato con amarezza il fatto che "questa  straordinaria influenza mediatica di Papa Francesco non riesce a celare  i problemi piu' profondi determinati dalle trasformazioni della nostra  civilta' europea occidentale". Per Parolin, quello di sconfinare  nell'utopia e' in ogni caso un rischio che la fede ci spinge a compiere: "Papa Francesco – ha spiegato – chiarisce l'uso del termine speranza quando ci spiega che non e' solo ottimismo o un atteggiamento  psicologico certamente positivo, ma limitato a delle circostanze  particolari". Affermando che la speranza e' Cristo, ha concluso Parolin  invitando gli studenti a ristudiare l'enciclica 'Spe Salvi' di Benedetto  XVI, la Chiesa offre "un messaggio positivo per rispondere alla chiusura  dell'uomo affinche' egli accetti di lasciarsi sorprendere invece di  voler controllare e dominare tutto".
M.O.: Parolin, il Papa soffre per i muri che dividono le persone

L'immagine di Papa che prega a Betlemme con  la fronte appoggiata sul muro che separa israeliani e palestinesi, e' stata evocata oggi nella lectio magistralis tenuta dal segretario di  Stato Pietro Parolin a Padova, alla Facolta' teologica del Triveneto". 

Papa Francesco – ha sottolineato il cardinale Parolin – soffre a vedere  i muri che sono stati eretti tra le comunita' in Medio Oriente dove i conflitti in atto rendono reale il pericolo della frammentazione di  tutta la Regione e la fine di Stati costituiti sull'esperienza multi  religiosi per far spazio a tante comunita' religiose che escludono gli  altri credenti". Nella sua "lectio", il segretario di Stato ha tenuto a chiarire  che "e' per questo motivo che la Santa Sede lavora per garantire una  costante comunicazione e collaborazione tra le diverse comunita',  denunciando le violenze che sono ormai accadimento quotidiano nella  regione". "I muri – ha sottolineato Parolin – sembrano quasi voler  affermare che il dialogo e' impossibile, che le differenze di credo sono  incompatibili, dimenticando che una condizione di pace e il rispetto  della vita sono elementi fondamentali per garantire una convivenza  rispettosa della dignita' di ogni persona, della sicurezza dei diversi  popoli e dello statuto di ogni religione".
Eutanasia: Parolin, si chiama 'Ubris' il veleno che la spinge
La "Ubris", parola greca traslitterata cosi' nella lingua latina per indicare la tracotanza violenta di chi vuole  equipararsi a Dio, e' stata evocata dal segretario di Stato, Pietro  Parolin, nel capitolo dedicato al tema dell'eutanasia nella "lectio  magistralis" tenuta a Padova, alla Facolta' teologica del Triveneto. Il  cardinale ha usato questa parola per spiegare "la volonta', e la  determinazione in alcuni casi, di diversi Paesi europei di dare  all'eutanasia lo status di diritto umano".
Secondo Parolin, "su questa volonta' della ragione umana di intervenire in uno dei processi fondamentali della vita, il rispetto dei tempi della vita e della morte" occorre "interrogarsi non solo con i principi e le argomentazioni della morale". "Che cosa e' – si e' chiesto Parolin – questa pretesa della ragione a voler controllare il flusso del tempo? Da dove nasce questa ubris cosi' potente da fondarsi su se stessa  e di disporre di un potere illimitato che giunge a rifiutare ogni apertura nei confronti di chi pone delle obiezioni?". "Di fronte a  questo vuoto esistenziale, di fronte a questa grande ubris, manchiamo  forse – ha osservato il cardinale parlando a professori e studenti di  teologia – anche della piu' piccola speranza che vada oltre la ragione  per aprirci alla relazione, alla solidarieta', all'amore invece di  rinchiuderci nella morte".
(AGI)
Tags:
isisislam
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
7
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni