Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 09 Marzo |
San Giovanni di Dio
home iconChiesa
line break icon

Che cos’è la Messa di riuscita?

© ZoeZoe/SHUTTERSTOCK

don Antonio Rizzolo - Credere - pubblicato il 24/04/15

Perché il ricordo del defunto cade nel terzo, settimo e trentesimo giorno?

Gentile direttore, mi ha sempre colpito la dizione “Messa di riuscita”, che si celebra pochi giorni dopo i funerali (a proposito: si dice funerale o funerali?). Storicamente, i parenti del defunto non uscivano di casa dopo il lutto, e questa Messa era una sorta di “via libera”. Ma, oggi, ha ancora senso?
Pina, Avezzano

Non conoscevo questa usanza. Da quanto ho capito, è una Messa di suffragio che si celebra sette giorni dopo le esequie ed è così chiamata perché i parenti, soprattutto le donne, prima non uscivano di casa, in segno di lutto. In realtà, pur nella diversità delle tradizioni, ciò che conta è tenere vivo il nostro legame con i nostri cari defunti. Nel Messale c’è solo l’indicazione per l’anniversario della morte. Tradizionalmente, però, si usa offrire il sacrifico eucaristico anche nei giorni terzo, settimo e trigesimo (cioè trentesimo). Come ricorda il Direttorio su pietà popolare e liturgia (n. 255), “è il modo cristiano di ricordare e prolungare, nel Signore, la comunione con quanti hanno varcato la soglia della morte”. 

La Chiesa, inoltre, ricorda i defunti il 2 novembre e ogni giro nella preghiera eucaristica della Messa e nei Vespri. La Messa di suffragio nell’anniversario della morte è per il cristiano il ricordo del dies natalis, il giorno della nascita al Cielo. Il ricordo nel terzo, settimo e trentesimo giorno ha un’origine biblica: Gesù è risorto dopo tre giorni; Giuseppe indisse un lutto di sette giorni per la morte del padre Giacobbe (Genesi 50, 10); Aronne e Mosè furono pianti dal popolo per trenta giorni (Numeri 20,30; Deuteronomio 34,8). Circa i nomi, “funerale” si usa sia al singolare che al plurale; nella liturgia si preferisce “esequie”, che deriva dal latino e significa seguire, accompagnare: indica l’intera comunità che con la preghiera accompagna il defunto all’incontro con il Padre. 

Tags:
commemorazione dei defuntifuneraliliturgia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni