Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Agosto |
Sant'Alfonso Maria de' Liguori
home iconNews
line break icon

Naufraghi in mare, ma è l’Europa ad affogare

© ITALIAN NAVY / AFP PHOTO

AT SEA, MEDITERRANEAN SEA : A handout photo released by the Italian Navy on March 18, 2014 and taken on March 17, 2014 shows migrants standing on a boat during a rescue operation carried out by the Italian Navy near the Italian island of Lampedusa. The Italian navy said it had rescued nearly 600 Syrian, Palestinian and Eritrean migrants crossing the Mediterranean in two overcrowded boats, including 62 minors. The Italian frigate Grecale pulled 323 Syrians and Palestinians to safety late on Monday, after helping rescue another 273 migrants from Eritrea, who were taken aboard the gunboat Sfinge, the navy said in a statement. AFP PHOTO / ITALIAN NAVY - RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "AFP PHOTO / ITALIAN NAVY " - NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 20/04/15

Nuove richieste d'aiuto, profughi che sbarcano a Rodi e l'Italia che chiede l'intervento dell'ONU

Dopo la tragedia che si è consumata nel Canale di Sicilia tra sabato e domenica scorsa, l’organizzazione internazionale per le migrazioni fa sapere di aver ricevuto tre chiamate di richiesta di aiuto da altrettante barche nel Mediterraneo al largo della Libia mentre secondo il procuratore aggiunto di Palermo Maurizio Scalia ci sarebbero «un milione di persone pronte a partire dalle coste libiche» (La Stampa, 20 aprile).

Nel frattempo la guardia costiera greca ha fatto sapere di avere messo in salvo 80 migranti che erano su un’imbarcazione che si è incagliata su una scogliera davanti a una spiaggia dell’isola greca di Rodi. Tre persone sono morte nel tentativo di raggiungere la riva. Secondo le prime ricostruzioni, la maggior parte dei migranti proviene dalla Siria. Sul posto sono arrivati polizia, guardia costiera e ambulanze (Internazionale, 20 aprile).

Il video dell’arrivo di alcuni migranti sulla spiaggia di Rodi:

Le operazioni contro gli scafisti
Le autorità italiane hanno arrestato oggi "altre 24 persone" accusate di "commerciare in carne umana", e con questi arresti "siamo a 1.002 persone arrestate". Lo ha detto il premier Matteo Renzi, in conferenza stampa con il primo ministro di Malta Joseph Muscat. E che gli arresti "avvengano ex post, dopo che hanno fatto il viaggio", o "che avvengano prima attraverso operazioni legittimate dalla comunità internazionale", questa "è la nostra assoluta priorità: non possiamo pensare di lasciargliela vinta perchè avremmo una responsabilità davanti alla storia" (Askanews, 20 aprile).

Tra gli indagati anche l’etiope Ermias Ghermay e l’eritreo Medhane Yehdego Redae. Secondo la procura, questi due trafficanti erano i principali responsabili della tratta tra la Libia e l’Italia. Ghermay risulta ancora latitante ed è ricercato dal 2014, quando è stato riconosciuto come uno dei responsabili del naufragio in cui sono morte 366 persone, al largo di Lampedusa, a ottobre del 2013 (Internazionale, 20 aprile).

Chiesa chiede ripristino di Mare Nostrum
Il presidente del Centro Astalli, il gesuita padre Ripamonti: "Serve attivare un’operazione di soccorso ad ampio raggio, anche in acque internazionali, come era Mare Nostrum. Se si vuole veramente combattere il monopolio dei trafficanti, occorrono alternative legali: canali umanitari nei Paesi di origine e in quelli di transito. Chi scappa dalla guerra deve poter chiedere asilo in Europa" (Famiglia Cristiana, 20 aprile).

“Il Mediterraneo deve essere un canale umanitario". Lo chiede la Fondazione Migrantes all'indomani della tragedia a largo delle coste libiche. "Anzitutto – afferma il direttore della Fondazione Cei, monsignor Giancarlo Perego, all'agenzia missionaria Misna – bisogna mettere in discussione Triton, la missione di pattugliamento dell'agenzia europea Frontex, del tutto inadeguata per fare del Mediterraneo un canale umanitario, a protezione delle migliaia di persone che continuano a fuggire". Secondo Migrantes, "è necessario che oggi l'operazione italiana Mare Nostrum divenga europea e i paesi dell'Ue non possono giustificarsi sostenendo che costa troppo. In Europa i fondi ci sono. Se l'Italia ha potuto sostenere l'operazione per oltre un anno, lo possono certo fare i Ventotto". "Non ci si può fermare ad un'operazione Triton, che da subito abbiamo considerato e contestato come insufficiente a salvare le persone in mare, occorre fare uno sforzo unitario in Europa, per un'operazione che abbia le stesse caratteristiche di Mare Nostrum e non sia quindi un semplice controllo di frontiere, ma diventi veramente un presidio umanitario del Mediterraneo, che possa salvaguardare la vita delle persone" aveva detto ieri Perego ai microfoni di Radio Vaticana (Avvenire, 20 aprile).

La comunità internazionale si muove?
Sotto la pressione di Italia, Francia e Malta potrebbero esserci notizie di un rapido intervento di polizia internazionale – con benedizione ONU – contro gli scafisti libici e non solo per fermare la tratta di esseri umani che arrivano dalla sponda sud del Mediterraneo. L'ipotesi del blocco navale non sarebbe possibile senza far esplodere definitivamente la situazion libica sotto la pressione dei profughi respinti dalle navi, sempre se il minstro degli esteri libico fosse d'accordo nel dare una mano all'Italia e all'Europa.

Tags:
migranti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni