Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Ascensione
home iconNews
line break icon

Angela si è salvata dall’aborto, è nata con anencefalia e ha compiuto un anno

© Facebook-Sonia Morales Aldana

Portaluz - pubblicato il 20/04/15

Smentendo le argomentazioni della lobby abortista

Il 23 marzo 2014 è nata la figlia di Sonia e Rony Morales. Hanno deciso di farla nascere pur avendo dovuto affrontare molte pressioni per abortirla. Cinque mesi prima della nascita, la coppia ha saputo che la figlia aveva difetti congeniti ritenuti letali. Secondo i medici, l'opzione migliore era porre fine alla vita della bambina attraverso l'aborto.

Angela, come ha reso noto Life News nel settembre 2014, era affetta da anencefalia, una delle anomalie del tubo neurale più comuni. Si tratta di difetti congeniti che interessano il tessuto che cresce nel cervello e il midollo spinale. L'anencefalia si verifica all'inizio dello sviluppo di un feto e si presenta quando la porzione superiore del tubo neurale non riesce a chiudersi.

Non si sa perché si verifichi. Le possibili cause includono tossine ambientali e bassa ingestione di acido folico da parte della madre durante la gravidanza. L'anencefalia si presenta in circa 1 caso ogni 10.000 nascite.

I pochi bambini affetti da anencefalia che al mondo sfuggono all'aborto in genere non vivono molto tempo, ma non è sempre così.

Quando Sonia ha saputo la problematica della bambina, ha dovuto sopportare il proprio dolore ma anche difendere la vita di sua figlia. “Ci hanno detto che aveva difetti congeniti letali incompatibili con la vita, visto che i bambini con il suo problema a volte nascono morti o muoiono poco dopo. Non le davano alcuna opportunità! Abbiamo fatto tre ecografie che hanno confermato la diagnosi. È stata usata la parola 'terminare', ma per noi era aborto e significava uccidere nostra figlia”.

La coppia ha rifiutato e ha deciso di chiamare la figlia Angela perché significa messaggera di Dio. “Sarebbe stato il nostro angelo”, ha detto Sonia, “la nostra Angela. Pensavamo che sarebbe andata in cielo subito dopo la nascita”.

“Dio aveva altri progetti”

La bambina, però, è rimasta con la sua famiglia, e contro ogni previsione il 23 marzo scorso ha compiuto un anno. La mamma ha condiviso sulla rivista People la propria gioia: “Ogni giorno è un vero regalo. Sa quanto è amata”.

Pur pesando solo 7,3 grammi, la piccola mostra progressi costanti. Riesce ad alzare la testa e riconosce la voce della madre, del padre, della sorella e dei nonni. “Quando pronuncio il suo nome sgambetta e sorride”, ha raccontato Sonia.

Anche la sorella maggiore Elizabeth, di sei anni, è intervenuta nel dialogo e ha raccontato che cambia i pannolini alla sorellina. “So che non potrà mai camminare”, ha affermato, “ma la aiuterò a provare”.

Anche se i Morales non sanno se Angela potrà mai parlare né se arriverà al secondo compleanno, si sforzano per assicurarsi che viva ogni giorno amata e con dignità. “L'handicap non allontana le persone dalla vita”, ha detto Sonia. “La portiamo a toccare la neve, gli alberi, i fiori, perché senta quanto è bello, perché non vede”.

Questa famiglia del Rhode Island (Stati Uniti) ringrazia per la vita inaspettata della bambina affetta da anencefalia perché ha portato un'evoluzione positiva nella sua vita.

“Angela ci ha resi persone migliori. Si potrebbe pensare che sia incapace di contribuire alla società, ma la verità è che ci sta insegnando ad essere più misericordiosi e amorevoli”, ha concluso la mamma. “Eravamo preparati al peggio, ma Dio aveva altri progetti”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
aborto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni