Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le presunte guarigioni miracolose della Madonna del Frassino

© Flickr/Creative Commons
Condividi

«Mia figlia era anoressica, ho chiesto aiuto alla Madonna e l'ha salvata»

Ha chiesto delle grazie alla Madonna del Frassino di Peschiera del Garda, in provincia di Verona. Ha invocato il suo aiuto per la figlia Greta, anoressica, e per suo nipote affetto dalla sindrome di Asperger. «Quando credi e hai fede, Lei risponde», dice Anna Paradiso al quotidiano veneto L'Arena (13 aprile). La donna ha voluto raccontare i presunti "benefici" ricevuti dalla Vergine, che sarebbe apparsa nel 1510 nel luogo in cui sorge il santuario di Peschiera. 

"HA RICOMINCIATO A MANGIARE"
Anna, riporta L'Arena, ritorna con la memoria agli anni Novanta, quando Greta era ventenne e pesava poco più di trenta chili: «Più volte avrei voluto nutrirla con la forza, perché tutta la famiglia viveva un incubo. Ma prima di ricorrere alla violenza ho provato con la preghiera. Un giorno, a messa, mi sono rivolta alla Madonna. Il mattino successivo Greta aveva ricominciato a mangiare, senza darmi alcuna spiegazione. Ora mia figlia ha 39 anni, è una bravissima insegnante e mi ha anche dato un nipotino». 

"PATOLOGIA SBAGLIATA"
Un bimbo al quale, a sei anni, era stata diagnosticata una forma di autismo: «Pregai tanto per lui», ricorda Anna, «e le mie richieste vennero ascoltate: un mese dopo, gli stessi specialistici che avevano riconosciuto la patologie, ammisero di essersi sbagliati. Ma a mio nipote, che ora sta molto bene, rimase un quoziente intellettivo altissimo, tipico di chi soffre di quella sindrome».

MIGLIAIA DI EPISODI
Sono migliaia gli episodi di grazia registrati nei decenni, molti raccontati dai quadri votivi appesi alle pareti del santuario. Non esistono documentazioni, né certificazioni che attestino questi miracoli, ribadisce il quotidiano, così come hanno affermato in più d'un occasione i religiosi che gestiscono il santuario. 

SALVATA DA ANEURISMA ED EDEMA
Resta la straordinarietà delle guarigioni che vengono raccontate loro dai pellegrini. Come la lettera di una signora di Pozzolengo affetta da "aneurisma sanguinante cerebrale da sottoporre ad embolizzazione e da edema polmonare": ricoverata il 20 novembre 2008 con l’eliambulanza nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Borgo Trento a Verona, veniva dimessa il 15 dicembre 2008 uscendo dal reparto sulle proprie gambe. Nella lettera il marito scrive che gli era venuto subito naturale pregare la Madonnina del Frassino, cui sono da sempre devoti, e la ringraziano per quello che loro chiamano un "miracolo".

LA BAMBINA CHE E' TORNATA A CORRERE
Un altro episodio riguarda una bambina cui i medici avevano diagnosticato l’impossibilità di camminare e che invece pochi giorni fa è tornata in visita alla Madonna del Frassino insieme ai genitori e, come tutti i bambini, si è divertita a correre nei chiostri del santuario.  

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni