Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 14 Agosto |
San Giovanni Berchmans
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Stuprata a 9 anni dall’Isis

ISIS – Flag – Mujahideen Shura Council © Mujahideen Shura Council – it

© Mujahideen Shura Council

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 13/04/15

Bimba yazida presa in carico da una ong curda racconta una storia agghiacciante di violenza e odio

Avere appena 9 anni non ha salvato una bimba yazida dall'essere brutalmente stuprata da 10 jihadisti dell'Isis in Iraq.

A rendere nota questa drammatica notizia è l'Independent sul suo sito, con un articolo nel quale spiega anche che ora la piccola è incinta.

Dopo la fine della terribile prigionia fra gli uomini dello Stato islamico la bambina è stata portata via dall'Iraq grazie all'intervento di una ong curda ed è ora in cura in Germania.

Secondo la testimonianza di Yousif Daoud, un operatore umanitario ritornato dalla regione, la piccola sarebbe rimasta ''mentalmente e fisicamente traumatizzata'' dopo gli abusi patiti e si teme che non possa più superare quei giorni da incubo. ''La ragazza poi è così giovane che può morire se mette alla luce un bambino – ha aggiunto Daoud – anche un taglio cesareo è pericoloso'' (Ansa, 13 aprile). Quando la bimba è stata trovata era «in pessime condizioni». «Era stata violentata da non meno di una decina di uomini. La gran parte miliziani che stanno sulla linea del fronte o kamikaze, a cui le ragazzine vengono date come ricompensa» ha raccontato al giornale canadese Toronto Star.

L’Isis mercoledì scorso ha rilasciato 216 yazidi, che aveva tenuto in ostaggio per otto mesi (un rilascio interpretato da alcuni come il frutto della pressione della coalizione internazionale e dell’offensiva di terra irachena). La bimba fa parte di un gruppo precedente, alcune centinaia di donne e ragazzine rapite, che sono rientrate nelle loro terre, il Kurdistan, qualche tempo fa. Anche nel gruppo rilasciato mercoledì c’erano bambini, una quarantina in tutto (La Stampa, 13 aprile).

Tags:
cristiani perseguitati in iraqisis
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni