Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Incontrò il Papa a Napoli, morto Checco

DR / CTV
Papa a napoli 2
Condividi

Il piccolo Checco, 4 anni, morto. Era sotto chemioterapia per un tumore contratto secondo molti a causa della Terra dei fuochi

Aveva incontrato il Papa in occasione della visita di Francesco a Napoli lo scorso 21 marzo. Checco, il bimbo di 4 anni della Terra dei Fuochi, gravemente ammalato, è morto.

Il Pontefice lo aveva stretto a sé, aveva dato una carezza a quel bimbo che non aveva più i capelli a causa della chemioterapia, aveva sussurrato una parola di conforto alla giovane e disperata mamma. Proprio davanti al Duomo della città di Napoli. Ma ora Checco non c'è più, morto a soli quattro anni. Colpa della Terra dei Fuochi a Orta di Atella, dicono i genitori e i comitati. “Un'altra vittima”, dice Padre Maurizio Patriciello, il sacerdote che da tempo si è fatto interprete e portavoce dolente della gente che vive fra Napoli e Caserta, in quelle terre che un tempo, neppure tanto lontano, erano la Campania felix che produceva frutta e verdura e che invece oggi racconta le troppe vittime dello spregiudicato e folle patto fra camorra, politici, istituzioni e imprenditori che mandavano lì a sversare i loro rifiuti tossici (TgCom24, 11 aprile).  

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.