Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Incontrò il Papa a Napoli, morto Checco

DR / CTV
Papa a napoli 2
Condividi

Il piccolo Checco, 4 anni, morto. Era sotto chemioterapia per un tumore contratto secondo molti a causa della Terra dei fuochi

Aveva incontrato il Papa in occasione della visita di Francesco a Napoli lo scorso 21 marzo. Checco, il bimbo di 4 anni della Terra dei Fuochi, gravemente ammalato, è morto.

Il Pontefice lo aveva stretto a sé, aveva dato una carezza a quel bimbo che non aveva più i capelli a causa della chemioterapia, aveva sussurrato una parola di conforto alla giovane e disperata mamma. Proprio davanti al Duomo della città di Napoli. Ma ora Checco non c'è più, morto a soli quattro anni. Colpa della Terra dei Fuochi a Orta di Atella, dicono i genitori e i comitati. “Un'altra vittima”, dice Padre Maurizio Patriciello, il sacerdote che da tempo si è fatto interprete e portavoce dolente della gente che vive fra Napoli e Caserta, in quelle terre che un tempo, neppure tanto lontano, erano la Campania felix che produceva frutta e verdura e che invece oggi racconta le troppe vittime dello spregiudicato e folle patto fra camorra, politici, istituzioni e imprenditori che mandavano lì a sversare i loro rifiuti tossici (TgCom24, 11 aprile).  

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni