Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Aleteia logo
home iconNews
line break icon

Niente santi, siam francesi

© Public Domain

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 03/04/15

La strategia laicista in Francia si arricchisce di nuovi tasselli

La nuova priorità della sinistra francese è “normalizzare” la toponomastica dei comuni di Francia a causa di quel detestabile contrattempo chiamato “storia” e di quella pietra di inciampo chiamata “cristianità”.

L'obiettivo è l'eliminazione di tutti i riferimenti alla cristianità dai Comuni francesi, sono quasi 5000, che nel loro nome hanno il termine “saint”, santo, o “sainte”. A chiedere lo “sbattezzo” è il gruppo di riflessione “Laïcité et République moderne” e curato dal deputato socialista Yann Galut, leader del collettivo “La Gauche forte”, e dalla senatrice ecologista Esther Benbassa, alla guida del microscopico ma influente partito “Pari(s) du Vivre-Ensemble”. Insieme hanno firmato un rapporto e lo hanno inviato al premier socialista Manuel Valls (La Nuova Bussola Quotidiana, 3 aprile).

A rompere meritoriamente il silenzio mediatico è il settimanale Minute, tribuna di riferimento dei milieu identitari francesi di cui Patrick Buisson, il consigliere ombra di Sarkozy durante la campagna muscolare del 2012, fu per anni il direttore.

Come riportato da Il Foglio, il rapporto è il primo atto della “lotta contro l’apartheid territoriale, sociale, etnico” evocata da Valls nel gennaio scorso, che tra le altre cose aveva anche parlato di “frattura semantica” in riferimento a quelle persone, il cui numero secondo il premier sarebbe in perenne aumento, “che non capiscono a cosa rimandano i nomi dei comuni”. E così gli abitanti di Pont-l’Abbé, in Bretagna (Abbé significa abate, NdR), potrebbero sentirsi “insultati”, secondo i difensori della laicità del governo.

Il rapporto – dopo un iniziale cautela – spiega che “Una frazione crescente della popolazione di origine musulmana è scossa dalle appellazioni toponomiche che rappresentano un’epoca arcaica dove l’identità della Francia, tutt’altro che plurale, si definiva esclusivamente sotto il segno di una cristianità trionfante e totalitaria” (Il Foglio, 1 aprile).

Il costo dell'operazione è stimato in circa tre miliardi di euro, ma per l'onore della République e della Revolution, cosa volete che sia?

Ma l'ondata laicista nel paese che fu sì di Voltaire ma anche “figlia primogenita della Chiesa” non è soltanto nelle stanze di governo e parlamento, anche in spazi più profani come quelli della metropolitana di Parigi, che – come spiega La Stampa – ha scelto di censurare l’annuncio di un concerto (nel prestigioso teatro Olympia) di un trio di sacerdoti cattolici. Il manifesto originale recava questa scritta: «Au profit des chrétiens d’Orient». Noi avremmo detto: l’incasso sarà devoluto per aiutare le comunità cristiane d’Oriente. Il manifesto è stato affisso e il concerto è in programma il 14 giugno, ma è scomparsa la scritta con la destinazione dell’incasso. Per quale motivo? Facile: la «regie» pubblicitaria della Ratp, la società che gestisce la metropolitana, ha burocraticamente spiegato che «il metrò è uno spazio laico, dove non sono ammesse prese di posizione né politiche né religiose» (La Stampa, 3 aprile).

Non solo la storia, ma anche un mal concepito senso della convivenza e dell'ospitalità che tende ad annullare unilateralmente il sacro, sì, ma con particolare attenzione e costanza proprio il cristianesimo sta attraversando l'Europa in generale e la Francia – spesso avanguardia di questi movimenti – in particolare, con effetti e fini ancora poco chiari, ma fanno riecheggiare nella memoria pagine molto buie della storia.

Tags:
laicismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
4
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni