Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sopravvissuto all’Olocausto incontra il soldato che lo ha liberato 70 anni fa

© History Channel
Condividi

Daniel Gillespie era un soldato degli Stati Uniti durante la II Guerra Mondiale e ha aiutato a riscattare oltre 35.000 prigionieri dal campo di concentramento di Dachau

Sulla spiaggia di Huntington Beach, in California (Stati Uniti), Joshua Kaufman ha baciato la mano di Daniel Gillespie e si è inginocchiato ai suoi piedi dicendogli: “Volevo dirtelo da 70 anni. Ti voglio bene. Ti voglio tanto bene”.”.

Gillespie, che oggi ha 87 anni, come Kaufman, serviva come soldato dell’esercito statunitense durante la II Guerra Mondiale e ha partecipato all’operazione che ha riscattato più di 35.000 prigionieri dal campo di concentramento di Dachau, in Germania, il 29 aprile 1945. Tra questi c’era Kaufman.

L’emozionante incontro è stato organizzato dal regista Emanuel Rotstein e farà parte del documentario Liberators of Dachau, che verrà trasmesso su History Channel a maggio. Kaufman è stato detenuto nel campo di concentramento come lavoratore schiavo in una fabbrica di munizioni.

Sotto il regime nazista ha perso la madre e tre sorelle nel campo di concentramento di Auschwitz. L’azione degli statunitensi lo ha salvato dalla tortura e soprattutto dalla morte.

“Ho visto la bandiera bianca sventolare sulla torretta di osservazione e ho capito che la tortura era finita. Quando i nordamericani hanno spalancato i cancelli, il mio cuore ha sussultato. Sono uscito dall’inferno verso la luce. Per questo, e per lui, sarò eternamente grato”, ha detto il sopravvissuto a History Channel.

Joshua Kaufman prima di essere imprigionato e oggi, a 87 anni

Per Gillespie, liberare i prigionieri di Dachau è stata un’esperienza intensa. “È stato lo choc più profondo della mia vita”, ha detto l’ex soldato. Per un californiano che aveva sempre avuto tutto in abbondanza, vedere come i nazisti facessero soffrire la fame ai propri prigionieri e li esponessero alla morte non è stato facile. “Queste cose mi sono restate sempre in testa. E allo stesso tempo mi veniva una rabbia terribile”, ha confessato.

Daniel Gillespie quando era soldato e oggi, a 87 anni

Dopo la guerra, Kaufman è andato ad abitare negli Stati Uniti, dove si è sposato, ha avuto quattro figlie e ancora oggi lavora come idraulico. Gillespie ha lasciato l’esercito ed è diventato un commerciante di successo, si è sposato e ha avuto otto figli. Anche se vivono a un’ora di distanza l’uno dall’altro, i due non avrebbero mai pensato di potersi incontrare di nuovo dopo tanto tempo.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
olocausto
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni