Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 25 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Vaticano: niente più segreti per il Fisco italiano

© Gabriel BOUYS / AFP

El torreón de Nicolás V, sede del IOR

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 01/04/15

Firmata una Convenzione sullo scambio di informazioni sui conti Ior. Ribadita l'esenzione imposte per immobili vaticani extraterritoriali

"Trasparenza" è la parola d'ordine che governa la riforma degli istituti economici e finanziari della Santa Sede iniziata con Benedetto XVI e proseguita con decisione da Francesco. Un primo frutto importante del processo innescato è la firma della Convenzione con il Governo italiano in materia fiscale avvenuta il 1° aprile presso la Segreteria di Stato.

Il solenne atto è stato siglato per la Santa Sede dal Segretario per i Rapporti con gli Stati, mons. Paul Richard Gallagher e per il Governo italiano dal ministro dell'Economia e delle Finanze, Carlo Padoan.

Scambio di informazioni

La parte "forse più rilevante della Convenzione" – la primasottoscritta dalla Santa Sede in questa materia -, come spiega lo stesso mons. Gallagher in un articolo (L'Osservatore romano 1° aprile) consiste nell’accordo relativo allo scambio di informazioni su richiesta ai fini fiscali, a partire dal 1° gennaio 2009.

Con tale accordo si stabilisce che la Santa Sede comunicherà allo Stato italiano le “informazioni verosimilmente rilevanti … per l’amministrazione o l’applicazione del diritto interno relativo alle imposte di qualsiasi natura o denominazione …”, senza possibilità di opporre in senso contrario alcun vincolo di segreto in materia finanziaria. Lo scambio di informazioni seguirà lo standard internazionale più recente in materia, quello dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse), adottato dall’Italia anche nei recenti accordi con la Svizzera, il Liechtenstein ed il Principato di Monaco.

Tale disposizione opererà in senso unilaterale, in funzione cioè del solo diritto fiscale italiano, considerato che la Santa Sede (e lo Stato della Città del Vaticano) non hanno motivo di chiedere informazioni in assenza di un sistema tributario che potrebbe rendere necessaria la richiesta.

L'accordo sullo scambio di informazioni realizza, secondo il Segretario per i Rapporti con gli Stati "un significativo passo della Santa Sede verso l'obiettivo massimo della trasparenza nel campo delle relazioni finanziarie" e dimostra la capacità delle istituzioni vaticane di "sostenere in modo efficace il confronto con i più elevati parametri internazionali in materia".

Semplificazione riscossione imposte dipendenti e istituti con residenza italiana

Altro punto importante dell’accordo riguarda le modalità di adempimento degli obblighi tributari da parte delle persone, fisiche e giuridiche, che detengono attività finanziarie nello Stato della Città del Vaticano e che, in quanto residenti in Italia, devono corrispondere le tasse sulle rendite percepite in relazione a tali attività. Questo profilo riguarda gli istituti di Vita consacrata delle Società di vita apostolica e gli enti dotati di personalità giuridica canonica che si occupano di opere di pietà, apostolato o carità, ma anche i dipendenti e gli ex dipendenti, perchè pensionati, della Santa Sede e della Città del Vaticano.

Una materia particolarmente complessa che deve, spiega il giurista Giuseppe Dalla Torre (L'Osservatore romano 1° aprile) conciliare interessi differenti, "come quello dell’Italia alla eguaglianza ed alla giustizia in materia fiscale, e quello della Santa Sede a salvaguardare la libertà e la funzionalità degli organismi ad essa pertinenti, per lo svolgimento della propria missione spirituale nel mondo". Bisogna pensare, per esempio, alle risorse finanziarie che da tutto il mondo giungono a persone giuridiche canoniche e sono destinate a finalità che vanno oltre i confini nazionali italiani.

In base alla Convenzione, quindi, d'ora in poi, gli Istituti religiosi che hanno fondi in Vaticano dovranno dimostrare di pagare le imposte in Italia, dove hanno la residenza fiscale. Già a luglio dell'anno scorso il presidente uscente dello Ior, Ernst Von Freyberg, aveva annunciato che: "I clienti dello Ior nel prossimo futuro dovranno tutti dimostrare di pagare le tasse nei Paesi di origine, a cominciare dall'Italia". Lo Ior, disse ancora Freyberg: "non funzionerà più da paradiso fiscale".

Le persone fisiche e giuridiche interessate dalla Convenzione potranno accedere, viene sottolineato, ad una procedura di regolarizzazione delle attività finanziarie, con gli stessi effetti stabiliti dalla legge n. 186/2014, cioè la legge sul rientro dei capitali approvata a fine anno dal Parlamento italiano che prevede alcune agevolazioni per gli evasori che tornano sui loro passi. In questo modo coloro che non avevano più diritto ad avere un conto aperto allo Ior dopo le ricognizioni delle autorità vaticane dei mesi scorsi, potranno riportare i soldi in Italia.

Esenzione imposte immobili zone extraterritoriali Santa Sede

La Convenzione interviene con alcune puntualizzazioni su disposizioni del Trattato lateranense siglato tra Stato Italiano e Santa Sede nel 1929 che vengono ad essere interessate dai contenuti della stessa Convenzione. In particolare viene chiarito il regime fiscale degli immobili situati nelle zone cosidette extraterritoriali per i quali la Convenzione ribadisce l'esenzione da ogni tributo che, nota mons. Gallagher "aveva costituito di recente oggetto di incertezze giurisprudenziali".

"Con la firma della Convenzione in materia fiscale Santa Sede e Italia sono ancora più vicine" ha affermato il segretario per i Rapporti con gli Stati. "Al legame storico – ha concluso Gallagher – si aggiungono sempre più stabili vincoli istituzionali e giuridici".

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
medjugorje
Gelsomino Del Guercio
Cosa sono i “segreti” di Medjugorje? Che messaggi nascondono?
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
POPE JOHN PAUL II
Paola Belletti
Wojtyla affrontò il problema della frigidità sessuale femminile
7
ANGELICA ABATE
Annalisa Teggi
Quando il miracolo non è la guarigione ma una voce innamorata del...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni