Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 03 Marzo |
Santa Teresa Eustochio Verzeri
home iconChiesa
line break icon

Sono malato. Come posso vivere la Settimana Santa in casa?

uomo depresso

Ximena Salazar-CC

Desde la fe - pubblicato il 31/03/15

Chi partecipa di più alla Redenzione non è chi assiste materialmente agli offici della Settimana Santa, ma chi si unisce vitalmente al Mistero Pasquale del Signore

Che paradosso! Molte persone che potrebbero andare in chiesa in questa Settimana Santa non ci andranno, semplicemente perché non hanno voglia, e ad altri che desidererebbero ardentemente partecipare agli offici non sarà possibile perché sono malati o anziani, o solo perché non hanno chi li porti in chiesa, e proprio in questo momento in cui per via del loro stato comprendono meglio la Passione del Redentore.

Per tutti loro, però c'è una verità consolatrice della quale oggi vorrei parlarvi. Chi partecipa di più alla Redenzione non è chi assiste materialmente agli offici della Settimana Santa, ma chi si unisce vitalmente al Mistero Pasquale del Signore. Una persona può partecipare a tutto ciò che viene organizzato dalla sua parrocchia ma per mera abitudine, o senza retta intenzione; può andarci anche con desiderio di protagonismo, di fama e prestigio, o per trarre vantaggi personali, eccetera. Non ci troviamo nei Paesi in cui andare in chiesa vuol dire rischiare la vita.

Chi non rettifica la propria intenzione approfitterà poco del fatto di poter andare in chiesa, o forse non ne approfitterà affatto, o addirittura ne avrà un danno; gli si addormenterà di più la coscienza e penserà di essere un eroe perché arriva stanco a casa. Ma a cosa valgono i sacrifici fisici se non portano alla conversione? A cosa servirebbe la nostra stanchezza se continuassimo a mettere in atto gli stessi vizi?

Sicuramente la malattia o la vecchiaia di per sé non mi farebbero cambiare atteggiamento riguardo a Dio e alla salvezza che mi offre, ma quando ci si sente visitati dalla malattia e la sofferenza schiaccia, quando si sperimentiamo la propria impotenza, i limiti e la finitezza temporale, quando si intravede la morte, tutto cambia. È l'opportunità di volgere lo sguardo a Dio, alle realtà eterne, di supplicare l'assistenza divina per non cadere nell'angoscia, di chiedere la grazia di non ripiegarsi su se stessi e di non affondare nella depressione.

La Settimana Santa vissuta dal mio letto di malattia o da una seggiolina in casa può essere l'opportunità che aspettavo per uscire dalla mia ribellione contro Dio, di meravigliarmi dell'amore che ha avuto per me donando suo Figlio per la mia salvezza, di unirmi alla Passione di quel Figlio per collaborare alla Redenzione della mia famiglia e dell'umanità. Altri ci sono riusciti, perché io non dovrei farlo?

Santa Teresina del Bambin Gesù, malata di tubercolosi, prostrata in un letto, con terribili accessi di tosse e vomito di sangue, con momenti di incoscienza per il dolore e spaventosi dubbi di fede, sapeva che, anche se in quei momenti non vedeva la luce per via delle spesse nubi che la circondavano, dietro di queste il sole continuava a brillare, e passato il momento delle tenebre quel sole non solo l'avrebbe illuminata, ma l'avrebbe anche avvolta e trasformata in luce.

Se il Signore ci ha guardato con occhi di predilezione e ci ha resi partecipi della sua croce, anche se ora non lo comprendiamo, anche se per noi è come una notte oscura, approfittiamone! Contempliamo la Passione del Signore, uniamoci ad essa, accettiamo la nostra sofferenza e offriamola a colui che “mi ha amato e si è donato per me”, a colui che “mi ha amato per primo”, offriamola per la nostra salvezza, per quella dei nostri cari, per i sacerdoti, per il Santo Padre e per l'umanità intera.

Dalla nostra casa, dal nostro letto, possiamo pregare; possiamo guardare qualche film (solo qualcuno, perché non serve stare incollati alla televisione) che ci muova il cuore; qualche anima caritatevole ci può leggere le letture della Messa e altri offici di questa settimana, o permetterci di seguire le celebrazioni via Internet; e lì, dalla nostra croce, con la nostra preghiera potremo sostenere la Chiesa e salvare l'umanità. Amen.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
settimana santa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
2
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni