Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Qual è stato il momento in cui Gesù ha sofferto di più in tutta la Passione?

© jingoba
Condividi

Una domanda che preoccupava molto Chiara Lubich, la fondatrice dei Focolari

Di fronte a tutto il racconto della Passione che ci offrono i Vangeli, potremmo chiederci quale sia stato il momento in cui Gesù ha sofferto di più.

È una domanda che ha posto ad appena 22 anni la serva di Dio Chiara Lubich durante la II Guerra Mondiale nel 1943. Nei rifugi, durante i bombardamenti, si leggeva il Vangelo. Le persone avevano scoperto che Dio-Amore è l’unico ideale che nessuna bomba può distruggere. Poi uscivano a cercare tra le macerie i morti e ad assistere chi era rimasto ferito.

Una ragazza si ammalò gravemente, contagiata dalle condizioni igieniche dei feriti. Chiamarono il sacerdote e Chiara, prima che questi passasse ad amministrarle il sacramento dell’estrema unzione, gli pose questa domanda: “Qual è stato il momento in cui Gesù ha sofferto di più nella sua Passione?”

Il sacerdote rispose: “Credo che sia stato quando ha gridato sulla croce: ‘Elì, Elì, Lamà sabactani?’, ovvero ‘Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?’”.

Chiara, allora, prese le sue compagne per mano intorno al letto della ragazza malata e propose loro di sposarsi con “Gesù Abbandonato”, di sceglierlo e amarlo per sempre in tutte le sofferenze, nelle proprie e in quelle di tutta l’umanità.

San Giovanni Paolo II diceva che l’esperienza umana dell’abbandono di Gesù sulla croce, quando grida “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”, risponde a un dolore condiviso dalle tre persone della Santissima Trinità: da Dio Padre, che lo permette per amore degli uomini, e dallo Spirito, che tace perché Gesù possa culminare l’opera redentrice, oltre che da Gesù.

Sì. Gesù, almeno per un istante, ha sentito l’abbandono del Padre. E non avrebbe potuto essere altrimenti, come spiega Sant’Ireneo. Gesù non ha redento ciò che non ha assunto. Se ha redento tutti gli uomini da ogni dolore, ingiustizia, tormento, disprezzo, e dallo stesso sentimento di abbandono da parte di Dio, è perché Egli sulla croce li ha fatti suoi, li ha sofferti sulla propria carne e nella propria anima.

Per questo, non dobbiamo vedere Gesù Crocifisso e Abbandonato solo riflesso nelle immagini che ci facciamo di Lui. Dobbiamo vederlo prima di tutto in noi, quando ci sentiamo abbandonati, e nell’altro, quando si sente abbandonato. E possiamo e dobbiamo riconoscerlo e dirgli: “Sei tu”: il rifiutato, l’emarginato, chi è dimenticato, chi è solo. Il calunniato, l’appestato, il maltrattato, l’ingannato, il deriso. Il disperato, il rattristato, l’angosciato, l’annullato. E dobbiamo abbracciarlo dicendogli: “Ti voglio bene così”. E compiere il salto, e metterci ad amare, a fare la volontà di Dio, dicendogli: “Agisci in me”.

E possiamo anche, con la nostra vita, testimoniare al mondo che Cristo Crocifisso e Abbandonato “ha riempito ogni vuoto, ha illuminato ogni tenebra, ha accompagnato ogni solitudine, ha annullato ogni dolore, ha cancellato ogni peccato”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.