Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un veterano statunitense in Iraq per “combattere per Cristo”

US Army
Condividi

Un cattolico si è sentito in dovere di difendere i villaggi iracheni minacciati dall’ISIS

Brett Felton si è addestrato moltissimo nella 10ª Divisione di Montagna dell'Esercito statunitense, con la quale ha servito in Iraq nel periodo 2006-2007, ma è stato il suo impegno nei confronti di chi come lui condivide la fede cristiana in tutto il mondo a spingerlo a tornare.

“La gente dice che sono pazzo a fare questo”, ha detto Felton al produttore di 60 Minutes, Jeff Newton, che lo ha incontrato a febbraio. “Ad essere onesti, penso che la gente sia pazza a non fare la propria parte”.

“Per me, per i cristiani qui, sarebbe un onore dare la vita aiutando quelle persone”.

Felton, 28enne di Troy, nello Stato del Michigan, è tornato alla fede cattolica nella quale era stato allevato durante il suo servizio in Iraq. Di recente, mentre studiava in Libano, è entrato in Iraq, dove i cristiani fuggono di fronte all'avanzata dell'ISIS. La troupe di 60 Minutes lo ha raggiunto a Bakufa, un villaggio cristiano abbandonato a nord di Mosul.

Se l'ultima volta era in Iraq con il secondo Battaglione della 10ª Divisione, il 14° reggimento di fanteria, stavolta, come ha detto, era lì come “soldato di Cristo”.

Newton, che ha descritto Felton “tatuato come un biker”, con immagini di Cristo sul suo corpo, lo ritiene un “cristiano irriducibile”.

Newton e la corrispondente Lara Logan hanno incontrato “pochi uomini cristiani” che hanno formato delle milizie per difendere i propri villaggi, a nord di Mosul. Non hanno addestramento, buone armi o fondi.

“Quando si è con loro, si ha la terribile sensazione che molti di loro verrebbero massacrati se lo Stato Islamico rivolgesse davvero la sua attenzione a riprendersi quei villaggi”, ha detto la Logan.

Felton li sta addestrando alla guerriglia urbana: come entrare e ripulire una stanza, come cercare giubbotti e altri vestiti con esplosivo e come portare in salvo i propri feriti.

E tutto questo con i combattenti dell'ISIS a poche miglia dal villaggio.

[Traduzione dall'inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.