Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 27 Ottobre |
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Francesco ai giovani: “accendere la speranza”

<a href="http://www.shutterstock.com/pic.mhtml?id=128281805&amp;src=id" target="_blank" />Duomo di San Gennaro</a> © Zyankarlo / Shutterstock

http://www.shutterstock.com/pic.mhtml?id=128281805&amp;src=id<br /> <br /> &copy; Zyankarlo / S<span style="line-height:20.799999237061px;">hutterstock</span><br /> <br /> <span>&lt;a href=&quot;</span><span style="line-height:20.799999237061px;">http://www.shutterstock.com/pic.mhtml?id=128281805&amp;src=id</span><span>&quot; target=&quot;_blank&quot; /&gt;</span><span style="font-family:'Franklin Gothic Book', FranklinGothicBook, Helvetica, Arial, sans-serif;font-size:16px;line-height:20px;">Duomo di San Gennaro</span><span>&lt;/a&gt; &copy;&nbsp;</span><span style="line-height:20.799999237061px;">Zyankarlo / S</span><span style="line-height:20.799999237061px;">hutterstock</span>

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 21/03/15

L’ultima tappa della visita a Napoli sul lungomare Caracciolo: “Prepararsi al matrimonio non è un come corso di lingue: ‘Diventate sposi in 8 lezioni’”

Primo: accendere la speranza. “Speranza” è la parola più ripetuta nell’intensa giornata di Francesco sotto il Vesuvio nella quale il papa ha incontrato, in un rosario di opere della misericordia, poveri, detenuti e malati. Una parola che non ha fatto mancare soprattutto ai giovani e alle famiglie che con pazienza lo hanno aspettato nel tardo pomeriggio sul lungomare Caracciolo, davanti alla baia del capoluogo partenopeo.

“Vi confesso che sono stanco” ha detto con un sorriso il pontefice sedendosi infine ad ascoltare le domande di una ragazza, di un’anziana di 94 anni e di una coppia di sposi che hanno esposto gli interrogativi ricorrenti sul futuro di giovani, anziani, sulla tenuta della famiglia nella nostra società.

Senza remore il papa, che ancora una volta nella visita a Napoli ha messo da parte il discorso ufficiale, ha confessato di “non avere ricette” per la crisi della famiglia. “Non è di moda sposarsi – ha convenuto Francesco – i giovani preferiscono convivere”. Anche quando si chiede il matrimonio non è chiaro se si ricerchi il sacramento o la convenienza sociale. Poi, ha aggiunto il pontefice “ci sono le colonizzazioni ideologiche sulle famiglie. Lo sbaglio delle mente umana che è la teoria del gender e fa tanta confusione. Come fare? Io non ho la ricetta”. La Chiesa è consapevole di questi problemi e: “Il Signore ha ispirato questo Sinodo sulla famiglia”. E’ importante preparare bene le persone al matrimonio che, ha scherzato Bergoglio, non è “come un corso di lingue: ‘Diventate sposi in 8 lezioni’”. Ed è importante la testimonianza dell’amore, la dimostrazione che è possibile superare i problemi: “Il matrimonio si edifica sempre – ha affermato Bergoglio – e sempre nella vita ci sono prove difficili. Testimoniate l’amore e pregate”.

Il papa è tornato sulla cultura dello scarto che caratterizza la nostra società e mette da parte chi non è utile, gli anziani, lasciati alla solitudine e a una sorta di “eutanasia nascosta”, così come i bambini, la cui cura costa troppa fatica e a cui vengono preferiti gattini o cagnolini per colmare i vuoti affettivi. Sono scartati però anche i giovani che senza lavoro non hanno futuro.

“Oggi è l’inizio della primavera e la primavera sono i giovani. Vi chiedo di pregare con i giovani” ha chiesto il pontefice e ai giovani “di non perdere la speranza, di andare avanti sempre”. Agli anziani il papa ha chiesto di “portare saggezza con l’età così come il buon vino che invecchia”.

“Un popolo che non si cura di giovani e anziani – ha concluso il papa – non ha futuro. Vi auguro il meglio” e, immancabile ormai in terra napoletana la benedizione: “’A Maronna, v’accumpagne”.

Tags:
napolipapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
medjugorje
Gelsomino Del Guercio
Cosa sono i “segreti” di Medjugorje? Che messaggi nascondono?
5
POPE JOHN PAUL II
Paola Belletti
Wojtyla affrontò il problema della frigidità sessuale femminile
6
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
7
Gelsomino Del Guercio
Il Papa parla della fine del mondo e di San Michele: “Lui guiderà...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni