Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Papa Francesco pranzerà in carcere insieme ai transessuali

© ALESSIA GIULIANI/CPP
Condividi

A Napoli scelta una delegazione di dieci detenuti di Poggioreale

Mano tesa a dieci reclusi del reparto riservato a transessuali, omosessuali e malati di Hiv. Papa Francesco sabato prossimo pranzerà anche con loro al carcere di Poggioreale durante la visita a Napoli (Tv2000, 18 marzo). 

PRANZO VOLUTO DAL PAPA
Il programma della visita ai detenuti di Poggioreale non prevedeva inizialmente il pranzo che, invece, è stato espressamente chiesto da Papa Francesco. A cucinare saranno gli stessi reclusi. Novanta in tutto i fortunati che sederanno a tavola con il Pontefice e tra questi, sorpresa dell'ultim'ora, anche delle persone transessuali (Il Mattino, 18 marzo). 
 
LUXURIA: I TRANS SONO TRATTATI COME ULTIMI
«Io ho visitato il carcere di Poggioreale – ha fatto eco Vladimiri Luxuria (Intelligonews, 19 marzo) – e tutta la sezione dove ci sono le persone transessuali. Va tra gli ultimi, e devo dire che sono gli ultimi degli ultimi perché poi c’è tutta la questione delle opportunità di inserimento nel lavoro. Per un Papa che si è sempre definito dalla parte degli ultimi, credo che sia quantomeno doveroso ascoltare queste storie, contro chi pensa che parlare con le persone transessuali e ascoltarle sia promuovere l’inesistente teoria del gender». 

TROPPI CASI DI SUICIDIO IN CELLA
Luxuria denuncia «i troppi casi di suicidi di transessuali o di autolesionismo in cella. Soprattutto quando non possono continuare le cure ormonali, e quindi hanno scompensi anche di tipo psichico». Come è noto le persone transessuali sono affette da disforia di genere, ovvero la patologia medica del transessualismo che va trattato con il supporto di uno specialista.

L'INCONTRO A SANTA MARTA CON DIEGO NERJA
La vicinanza di Papa Francesco alle persone affette da questa complessa patologia, è testimoniata dall'incontro del 24 gennaio in Vaticano con Diego Neria Lejarraga, transessuale spagnolo, accompagnato dalla fidanzata, a cui ha concesso un'udienza privata (Aleteia, 26 gennaio). Il 48enne, originario di Plasencia in Extremadura, aveva scritto tempo al Papa raccontando la sua drammatica vicenda personale e religiosa, e spiegando che dopo il cambio di sesso avvenuto 8 anni fa si era sentito escluso dalla Chiesa. Il Papa gli avrebbe quindi telefonato due volte in dicembre e sabato scorso l'ha ricevuto a Santa Marta. Tuttavia il contenuto della discussione tra il Pontefice e Diego non è stato rivelato.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.