Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 17 Ottobre |
Sant'Ignazio di Antiochia
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: il teologo non è un “balconero” della storia

© Public Domain

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 09/03/15

Nel messaggio per i 100 anni della Facoltà teologica dell'UCA il papa mette in guardia da una teologia che guarda "l’umanità da un castello di vetro"

"Non accontentatevi di una teologia da tavolino. Il vostro luogo di riflessione siano le frontiere. E non cadete nella tentazione di verniciarle, di profumarle, di aggiustarle un po` e di addomesticarle. Anche i buoni teologi, come i buoni pastori, odorano di popolo e di strada e, con la loro riflessione, versano olio e vino sulle ferite degli uomini". Anche i teologi, come i pastori, sono chiamati ad essere protagonisti di una Chiesa "en salida", in uscita, e a non accontentarsi delle dispute accademiche: lo ha raccomandato papa Francesco nel messaggio inviato al card. Mario Aurelio Poli, arcivescovo di Buenos Aires, Gran Cancelliere della Pontificia Universidad Católica Argentina (U.C.A.), in occasione della celebrazione del 100° anniversario della Facoltà di Teologia.

I cento anni della facoltà teologica argentina arrivano a ridosso dei 50 anni dalla chiusura del Concilio Vaticano II, che è stato, rileva il pontefice, "un aggiornamento, una rilettura del Vangelo nella prospettiva della cultura contemporanea. Ha prodotto un irreversibile movimento di rinnovamento che viene dal Vangelo".

Adesso occorre andare avanti, ma come?

"Insegnare e studiare teologia significa vivere su una frontiera, quella in cui il Vangelo incontra le necessità della gente a cui va annunciato in maniera comprensibile e significativa", scrive Jorge Mario Bergoglio nel testo pubblicato oggi dal Vaticano. "Dobbiamo guardarci – ammonisce il papa – da una teologia che si esaurisce nella disputa accademica o che guarda l`umanità da un castello di vetro. Si impara per vivere: teologia e santità sono un binomio inscindibile. La teologia che elaborate sia dunque radicata e fondata sulla Rivelazione, sulla Tradizione, ma anche accompagni i processi culturali e sociali, in particolare le transizioni difficili. In questo tempo la teologia deve farsi carico anche dei conflitti: non solamente quelli che sperimentiamo dentro la Chiesa, ma a anche quelli che riguardano il mondo intero e che si vivono lungo le strade dell`America Latina".

La teologia sia quindi espressione di una Chiesa che è "ospedale da campo", ribadisce ancora una volta papa Francesco, che vive la sua missione di salvezza e guarigione nel mondo. La misericordia, infatti, non è solo un atteggiamento pastorale ma è "la sostanza stessa del Vangelo di Gesù. Vi incoraggio a studiare come nelle varie discipline – la dogmatica, la morale, la spiritualità, il diritto e così via – possa riflettersi la centralità della misericordia. Senza la misericordia la nostra teologia, il nostro diritto, la nostra pastorale corrono il rischio di franare nella meschinità burocratica o nell`ideologia, che di natura sua vuole addomesticare il mistero. Comprendere la teologia è comprendere Dio, che è amore".

Chi è, allora, lo studente di teologia che la Uca è chiamata a formare? Certamente non un teologo "da museo" che accumula dati e informazioni sulla Rivelazione senza però sapere davvero che cosa farsene. Né tantomeno un "balconero" della storia, ha affermato Bergoglio usando di nuovo l'espressione tipica argentina per definire coloro che, affacciati al balcone, osservano ciò che accade senza coinvolgersi, come fosse "altro" da loro. Il teologo formato alla U.C.A., invece, sia una "persona capace di costruire attorno a sé umanità, di trasmettere la divina verità cristiana in dimensione veramente umana, e non un intellettuale senza talento, un eticista senza bontà o un burocrate del sacro".

Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
ORDINATION
Francisco Vêneto
Ex testimone di Geova verrà ordinato sacerdote cattolico a 25 ann...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni