Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Moscardin
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

La verità di Gesù e le pretese dei cristiani

Public Domain

Dimensione Speranza - pubblicato il 08/03/15

I tre classici approcci al problema della verità, le critiche e il dialogo con le religioni

I tre tradizionali approcci al problema della verità di Dio sviluppati dalla riflessione cristiana sono noti. Il primo (esclusivismo) afferma che la verità di Dio è data in Cristo e che le altre proposte religiose sono, semplicemente, idolatriche. Normalmente tale prospettiva si coniuga con la sottolineatura della centralità della Chiesa, come agenzia deputata all’amministrazione della verità di Cristo. Scopo del dialogo, in questa prospettiva, è la conversione degli altri.
Il secondo approccio (inclusivismo) ritiene anch’esso che Cristo sia la via, la verità e la vita. Ritiene però che elementi significativi di altre proposte siano riconducibili al messaggio cristiano rettamente inteso. Qui al centro non è più la Chiesa in quanto tale, ma più in generale il cristianesimo, inteso non come fenomeno storico, ma come costellazioni di valori, ideali, orizzonti. Il dialogo permette di scoprire negli altri elementi "cristiani", nonché di allargare l’orizzonte entro il quale i cristiani vivono la loro fede.

La terza prospettiva (pluralismo) ritiene che la verità, se effettivamente è una, è inattingibile direttamente e le varie proposte religiose sono vie, sostanzialmente equivalenti dal punto di vista del valore, mediante le quali gli esseri umani vivono il loro rapporto con Dio. Il dialogo ha qui come scopo il confronto descrittivo e comunicativo tra prospettive che in partenza si riconoscono come relative.

Obiezioni e critiche
Le critiche che si possono fare a tali approcci sono altrettanto note. L’approccio esclusivista presuppone una sorta di monopolio di Cristo da parte della Chiesa, con conseguenze imperialistiche sia sul piano spirituale sia su quello politico, ampiamente documentate dalla storia. Quello inclusivista tende a considerare la fede cristiana un quadro di pensiero, "annettendosi" poi gli elementi ritenuti positivi nell’esperienza altrui, sicché un bravo buddhista non è più realmente tale, ma è un cristiano che non sa di esserlo; l’altro non è preso sul serio nella sua alterità. L’orizzonte pluralista tende a relativizzare la serietà della nozione di verità e dunque, contro le sue stesse intenzioni, ad abbassare notevolmente il profilo del dialogo; esso, poi, rischia di non prendere sul serio il modo in cui diverse religioni comprendono se stesse; per molti aspetti esso appare una versione para-religiosa piuttosto acritica del paradigma concettuale postmoderno, che di fatto intende aggirare il dibattito sulla verità (religiosa, filosofica, etica, ma anche scientifica).

Considerazioni personali
Personalmente sono convinto che lo stato attuale della discussione non consenta di elaborare un modello teologico che prenda sul serio le istanze delle religioni (quali, oltretutto? Quelle monoteiste, come spesso propongono i pluralisti? E perché solo esse?) e al tempo stesso renda ragione della radicalità con la quale il Nuovo Testamento presenta la figura di Gesù. Qui di seguito tenterò di proporre alcune linee di un possibile approccio cristiano al tema della verità, consapevole dei suoi limiti, ma anche delle sue potenzialità.

Risposta in quattro tempi
La ricerca della verità ruota, secondo il Nuovo Testamento, intorno alla figura di Gesù. Dopo Pasqua e Pentecoste, la verità, cioè il Nome di Dio, non è separabile dal Nome di Cristo testimoniato dalla Scrittura.

Cristo non coincide con il cristianesimo, ma lo trascende e, anzi, gli sta di fronte come il Giudice. L’approccio inclusivista concede ancora troppo alla centralità del cristianesimo. Le chiese e i cristiani devono riconoscere che Cristo è di fronte a loro esattamente com’è di fronte agli altri. Fede è riconoscere questa situazione. Non c’è nessun monopolio cristiano di Cristo. Non è retorica dire che la testimonianza di Gandhi (consapevolmente o no, è irrilevante) può aiutare a capire Cristo tanto quanto quella di Francesco d’Assisi. Tuttavia la fede cristiana ritiene che la luce di Gandhi rifletta quella di Cristo. La verità che brilla di luce propria è una; le altre brillano di luce autentica, fulgida, ma riflessa. Che cosa questo possa significare per il dialogo con le religioni non lo si può dire a priori, occorre verificarlo nel dialogo stesso. Un cristianesimo interessato più a Cristo che a se stesso rappresenterebbe comunque, nel panorama dato, una discreta novità.

  • 1
  • 2
Tags:
dialogo interreligioso
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
CONFESSION, PRIEST, WOMAN
Gelsomino Del Guercio
Segreto, psicologo e assoluzione: 3 consigli per una corretta Con...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni