Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 22 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Aleteia logo
home iconNews
line break icon

Una rivoluzione religiosa contro le violenze dello Stato Islamico

© ALHAYAT Media Center

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 03/03/15

Il Grande Imam del principale centro religioso sunnita prepara una riforma della dottrina islamica

Un argine contro l’Islam violento che non ha nulla a che fare con la dottrina del Corano. Fanno ancora discutere le dichiarazioni di Ahmed El Tayyeb, Grande Imam dell’Università di Al Azhar, il maggiore centro religioso sunnita. C’è una fetta consistente del mondo musulmano che si sta smarcando sempre più dalla strategia omicida dello Stato Islamico.

CORANO E MAOMETTI “CORROTTI” DA ISIS
«Bisogna combattere gli estremisti che diffondono interpretazioni corrotte del Corano e della vita del Profeta Maometto», ha detto pubblicamente El Tayyeb, Grande, rivolgendosi da La Mecca a «studiosi, accademici e insegnanti» per sconfiggere sul piano della teologia il pensiero jihadista che alimenta lo Stato Islamico (La Stampa, 24 febbraio).

VIOLENZA E INSTABILITA’
In concreto, evidenzia La Stampa, ciò significa accusare i «gruppi terroristi» – come Egitto e Arabia Saudita definiscono Al Qaeda, Isis, Fratelli Musulmani e cellule salafite jihadiste – di stravolgere l’Islam e la figura di Maometto per «generare violenza e dividere i musulmani» portando a «instabilità sociale». 

RIVOLUZONE ANTI-ESTREMISTI
Questo tipo di affermazioni, trasforma il Grande imam di Al-Azhar nel portavoce della «rivoluzione religiosa» auspicata dal presidente egiziano Al Sisi, nel discorso di fine dicembre agli Ulema egiziani, e sostenuta dal sovrano giordano Abdullah all’indomani della morte del pilota Muath Al Kasasbeh arso vivo da Isis (Corriere della Sera, 24 febbraio).

UNA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE RELIGIOSA
Nell’ambito di questa “rivoluzione”, Al Azhar propone un curriculum per correggere «concetti falsi e ambigui». Una riforma dell’istruzione religiosa che permetta a tutti di comprendere la metodologia usata per l’interpretazione dei testi potrebbe far capire che citare il Corano e i detti del Profeta «non basta a stabilire una lettura autentica».

LE CONTRADDIZIONI DI AL AZHAR
Ma ci sono delle contraddizioni, fa notare il Corriere. Per esempio, Al Tayeb è stato criticato perché fa appello alla tolleranza ma anche a crocifiggere i jihadisti; e poi il curriculum religioso imposto dall’Isis è simile a quello in vigore in Arabia Saudita, ma di questo lo Sceicco non ha parlato, spostando il discorso sui «complotti per dividere i musulmani» attuati «da colonialisti e sionisti».

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE
Il grande sheikh ha fatto rumore per aver detto che jihadisti come quelli che hanno arso vivo il pilota giordano, meritano di essere «uccisi o crocifissi» (Avvenire, 24 febbraio). Per al Azhar, poi, la strategia anti-terrore non passa solo attraverso le aule scolastiche: come per i seguaci dello Stato islamico, ma i mezzi di comunicazione più in generale giocano un ruolo di primo piano. 

CONFERENZA DI ACCADEMICI MUSULMANI
Una sorta di contro campagna di informazione per bilanciare quella macabra dello Stato Islamico. E in tal senso lo sceicco ha anche proposto una conferenza di accademici musulmani per rafforzare i valori comuni dell’islam, per educare i fedeli di ogni Paese a praticare quanto deciso (Asianews, 24 febbraio).

CORANO VA INTERPRETATO 
Una svolta anti-fanatici nel mondo musulmano la richiede anche Hamza Piccardo, tra i primi italiani convertiti all’Islam, quarant’anni fa, nel 1975, per anni al vertice dell’Unione delle Comunità Islamiche d’Italia, su La Repubblica (24 febbraio). «Recita un versetto del Corano – ricorda Piccardo – “Ci sono segni per coloro che hanno intelletto”. Non basta imparare a memoria il Corano, bisogna comprenderlo e quindi anche interpretarlo. Il letteralismo tradisce lo spirito pretendendo di rispettare la lettera».

Tags:
isisislam
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
3
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni