Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconNews
line break icon

La disforia di genere si cura bloccando la pubertà?

© Aaron Josefczyk/Barcroft Media

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 27/02/15

Una clinica olandese adotta un protocollo che ferma lo sviluppo a 12 anni. Ma il metodo è controverso. I dubbi della morale cattolica e degli esperti

Un nuovo protocollo per bloccare lo sviluppo attraverso la somministrazione di farmaci e ri-orientare al meglio la scelta dell’identità sessuale negli adolescenti transessuali.

Il VU Medical Center, alla periferia di Amsterdam, è un centro all’avanguardia nella "cura" della disforia di genere e sta portando avanti un programma piuttosto radicale che prevede anche la «sospensione della pubertà» (27esimaora.corriere.it, 25 febbraio).

SVILUPPO FERMO 4 ANNI
Farmaci appositi fermano la produzione degli ormoni sessuali e, dopo un periodo che può arrivare al massimo a 4 anni, se viene confermata la diagnosi di disforia di genere, gli adolescenti sono reindirizzati, grazie a un’altra terapia ormonale, verso la pubertà dell’altro sesso (Famigliacristiana.it, 25 febbraio).

IL CASO DELLA MODELLA OLANDESE
Tra le pazienti più famose della clinica c’è Valentijn de Hingh, 24 anni, modella e giornalista olandese. «Ho iniziato a prendere i soppressori quando avevo 12 anni e così ho evitato la pubertà maschile: non mi è mai cresciuta la barba né il pomo d’Adamo — racconta — Tutto questo mi ha permesso di acquisire un aspetto più femminile quando, a 16 anni, ho iniziato a prendere gli ormoni dell’altro sesso. E non ho dovuto affrontare operazioni dolorose in seguito». Dopo i 18 anni, come prevede la legge Valentijn ha poi fatto la rettificazione del sesso.

IL BLOCCO TRA I 13 E 14 ANNI
L’età media in cui gli adolescenti vengono indirizzati alla clinica di Amsterdam è di 13 anni per i maschi e di 14 per le femmine. Spesso si presentano ai medici con la richiesta esplicita di «cambiare sesso»: «Per noi però inizia una lunga fase diagnostica in cui cerchiamo di capire se soffrano davvero disforia di genere e di escludere che abbiano problemi psichiatrici» dice la psichiatra De Vries.

STOP ALLA BARBA PER GLI UOMINI E AL SENO PER LE DONNE
Tre quarti di loro riceve effettivamente la diagnosi di disforia di genere e, se ha il sostegno della famiglia, può quindi iniziare la terapia per bloccare la pubertà: farmaci che fermano la produzione degli ormoni sessuali e quindi impediscono la piena maturazione sessuale e lo sviluppo dei cosiddetti caratteri sessuali secondari. Voce, barba, pomo d’Adamo nei maschi, seni e fianchi nelle femmine. «Noi la consideriamo un’estensione del periodo diagnostico, non l’inizio della fase di riassegnazione del genere. Anche perché questo tipo di terapia è del tutto reversibile», aggiunge de Vries.

A 16 ANNI ORMONI, POI INTERVENTO
Solo a 16 anni, se si sentono pronti, i pazienti possono iniziare ad assumere ormoni dell’altro sesso: mascolinizzanti se sono nate ragazze, femminilizzanti per i ragazzi (le operazioni chirurgiche per la rettificazione del sesso, come l ricostruzione genitale o la mastectomia, si possono invece fare solo dopo i 18 anni, contrariamente a quanto succede, per esempio, negli Stati Uniti).

PRASSI CHE LA CHIESA NON APPROVA
Già su Aleteia (11 febbraio) padre Maurizio Faggioni, medico e docente di Teologia morale all’Antonianum e all’Accademia Alfonsiana di Roma, aveva evidenziato che gli interventi psichiatrici in età prepuberale per affrontare la disforia di genere sono discutibili, tanto più se connotati dalla somministrazione di farmaci come bloccanti dello sviluppo. D’altro canto, aveva puntualizzato, «gli attuali protocolli sono il frutto di un orientamento della psichiatria piuttosto recente e tutt’altro che condiviso dalla morale cattolica».

ECCEZIONE PER IL GRAVE DISAGIO PSICHICO
Ii moralisti vicini alla Chiesa sostengono che il sesso è deciso dalla coscienza e solo in casi estremi e particolarmente drammatici, cioè «quando si vive un senso di angoscia che non si riesce a superare né con l’aiuto psichiatrico, né con quello farmacologico, ed è tale da metterne in pericolo la vita»,

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
ideologia gendertransessuale
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni