Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come si riconoscevano i primi cristiani al tempo della clandestinità?

Public domain
Condividi

Il simbolo segreto che utilizzavano

Nei primi tre secoli del cristianesimo, le persecuzioni contro i cristiani erano frequenti e brutali. La fede in Cristo costituiva una religione clandestina, e per questo i cristiani non si potevano ribellare apertamente. In questo contesto, come riusciva un cristiano a sapere se un'altra persona condivideva la sua fede?

Oltre a prendere le precauzioni più evidenti, come informarsi previamente sull'altra persona ogni volta che fosse possibile, si ritiene che i primi cristiani utilizzassero alcuni “codici segreti” per confermare se si trovavano davanti a un correligionario. Uno di questi codici era l'Ichthys oIchthus, parola che in greco antico (ἰχθύς) significava "pesce".

In base a questa ipotesi, quando un cristiano pensava di trovarsi davanti a un altro cristiano clandestino, disegnava una curva o mezza luna a terra. Se l'altra persona disegnava l'altra mezza luna sovrapposta alla sua, completando la figura di un pesce, era fortemente probabile che si trattasse proprio di un seguace di Gesù che conosceva il “codice segreto” cristiano.
 

Perché l'immagine di un pesce?

Perché le lettere che formano la parola “pesce” in greco (ichthys), quando sono scritte in maiuscolo (ΙΧΘΥΣ), formano un acronimo con le iniziali dell'espressione Iēsous Christos Theou Yios Sōtēr, che significa "Gesù Cristo, Figlio di Dio, Salvatore" (in greco antico Ἰησοῦς Χριστός, Θεοῦ ͑Υιός, Σωτήρ).

Il pesce è quindi diventato uno dei primi simboli cristiani, insieme all'immagine del Buon Pastore e in seguito a quella del crocifisso.

L'Ichthys era usato anche per indicare le catacombe cristiane durante le persecuzioni contro la comunità, di modo che solo i cristiani sapessero quali erano i tumuli dei loro compagni di fede.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.