Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Luglio |
Sant'Ignazio di Loyola
home iconApprofondimenti
line break icon

Dio, una parola tabù nelle nostre società secolarizzate

Central African Republic mired in violence amid threat of genocide UN/Albert Gonzalez Farran

Finesettimana.org - pubblicato il 23/02/15

Nascondete quel Dio che non posso vedere, direbbe Molière

di Jacques Gauthier

Anche se Dio è, per sua natura, incomprensibile, non mancano le parole e le idee per evocarlo ed invocarlo. Dal tam-tam al computer, dalle tavolette d’argilla ai touch-screen, la nozione di Dio viene da lontano e se ne sente sempre l’eco, tanto resiste all’usura. Eppure, si parla di un ritorno di Dio, come se, ad un certo punto, se ne fosse andato. Ma non è forse là dove lo si lascia entrare? Ogni individuo ha le sue ragioni di credere in Dio o no, e non c’è nessun bisogno di deridere il credente o il non-credente per giustificare la propria posizione. La riflessione non impedisce il dialogo, la libertà di espressione il rispetto. Ma Dio è una parola tabù nelle nostre società secolarizzate.

Nascondete quel Dio che non posso vedere, potrebbe dire Molière. Per molti, è sinonimo di oscurantismo e di alienazione; minaccia la democrazia e opprime l’autonomia. Lo si confonde continuamente con le religioni che, diventate sospette e superate, sono spesso ridotte a caricature, o a minoranze tra le più fanatiche. Che fare allora quando degli estremisti uccidono in nome di Dio, lo usano come un’arma di distruzione, come si è visto recentemente nei locali di Charlie Hebdo? Ma di che Dio si tratta? L’idea di Dio varia a seconda delle tradizioni, delle culture, delle credenze, delle religioni. Quando qualcuno proclama di credere in Dio, è quindi importante specificare a quale immagine di Dio si riferisce, a quale libro sacro si ispira e, soprattutto, come lo interpreta. Allora il dialogo è possibile, pur riconoscendo con umorismo e umiltà che non sappiamo tutto di Dio e che molto di sé Lui lo dice nel silenzio. Nietzsche affermava che una cosa spiegata non ci interessa più. Dio ha un bel futuro davanti! Nessuno può esaurire il suo mistero né svuotare la sua sostanza. Il poeta americano Wallace Stevens lo ammetteva in una delle sue massime: “La massima idea poetica del mondo è ed è sempre stata l’idea di Dio”.

Possiamo fare spazio a quest’idea nelle nostre culture, discuterne serenamente nei media, studiare la sua evoluzione a scuola in corsi di storia e filosofia? Voler eludere la questione di Dio nelle nostre società laiche, significa lasciarla nelle mani di estremisti che se ne servono per giustificare il loro nichilismo distruttore. La laicità deve combattere questo terrorismo, senza rifiutare però le religioni e senza vedervi soltanto del negativo. Ad esempio, si può criticare l’islam senza denigrare i musulmani. I jihadisti si nutrono della divisione e dell’ignoranza per alimentare la loro ideologia assassina. La sfida è tener insieme libertà di espressione e rispetto dell’altro, in questo secolo di cui Malraux aveva predetto che sarebbe stato religioso.

Il 12 gennaio 2015, papa Francesco metteva in guardia contro le forme devianti della religione: “Che i responsabili religiosi, politici ed intellettuali, in particolare musulmani, condannino ogni interpretazione fondamentalista ed estremista della religione che mira a giustificare tali atti di violenza”. E due giorni dopo, canonizzando Joseph Vaz, primo santo dello Sri Lanka e grande figura di riconciliazione, aggiungeva: “Ogni individuo deve essere libero, solo o insieme ad altri, di cercare la verità, di esprimere apertamente le proprie convinzioni religiose, libero da intimidazioni e da costrizioni esterne”. Che si sia credenti o non-credenti, l’importante non è forse restare nell’intelligenza del cuore e della compassione, facendoci prossimi di coloro con cui viviamo? Perché, in fondo, la domanda “chi è Dio?”, rinvia a “chi sono io?”, alla ricerca di senso e di felicità, all’attualità della sofferenza e della morte.

Eludere questo interrogarsi metafisico scava un vuoto spirituale, ci allontana dalla nostra interiorità, da ciò che i mistici chiamano il cuore, l’anima. Possiamo porci un’altra domanda: la fede è credibile? La fede, diceva la filosofa Simone Weil, “è l’intelligenza illuminata dall’amore”. Così, solo l’amore è degno di fede. La fede indica una direzione su un percorso diverso dalla scienza. Precede il sapere ed è impossibile da verificare in laboratorio. È un atto che permette di entrare in relazione con Dio, soprattutto nella preghiera. 

( Da “La Croix” del 21 febbraio 2015, traduzione: http://www.finesettimana.org)

Tags:
dio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni