Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 29 Settembre |
Santi Arcangeli
Aleteia logo
Approfondimenti
separateurCreated with Sketch.

Si userà una legge per eliminare (lentamente) le feste cattoliche?

Socialist Ericka Bareigts (jours fériés catholiques) – it

AFP PHOTO / PIERRE VERDY

Socialist Ericka Bareigts, socialist Member of Parliament int the French island of La Reunion, in the Indian Ocean, asks a question to a minister during the weekly session of questions at the National Assembly on July 11, 2012 in Paris. AFP PHOTO / PIERRE VERDY

Aleteia - pubblicato il 18/02/15

In Francia un emendamento prevede di sostituire i giorni festivi del calendario nazionale con i “giorni festivi locali”

Un emendamento alla legge sul lavoro domenicale e i giorni festivi, votato in Francia il 16 febbraio, prevede di permettere ai prefetti [governatori di dipartimento, ndt] delle comunità ultramarine (Guadalupe, Guyana, Polinesia francese…) di sostituire i giorni del calendario nazionale francese con quelli specifici del territorio.

Per la deputata che ha proposto l'emendamento, Éricka Bareigts (della prima circoscrizione dell'isola della Riunione), si tratta di “dare trasparenza e una base legale alle varie pratiche che si esprimono nei nostri territori”, ha reso noto L’info.re.

“La sostituzione di un giorno festivo ereditato da una festa religiosa cattolica verrebbe lasciato all'apprezzamento del prefetto, in accordo con gli agenti locali e con negoziati per adattare le convenzioni collettive”, secondo Le Figaro.

Nel suo emendamento, la deputata precisava che i giorni festivi suscettibili di essere sostituiti erano il Lunedì di Pasqua, l'Ascensione, il Lunedì di Pentecoste, l'Assunzione (15 agosto) e la festa di Tutti i Santi (1° novembre).

La versione votata il 16 febbraio, tuttavia, proibisce solo di sostituire i giorni festivi repubblicani (1° e 8 maggio, 14 luglio e 11 novembre), il che permetterebbe di sostituire anche il Natale e il giorno dell'Anno Nuovo.

Per essere applicato, l'emendamento dovrà attendere la promulgazione della cosiddetta legge Macron (un disegno di legge per liberalizzare alcuni settori dell'economia che l'Assemblea Nazionale francese ha sottoposto a voto in prima lettura il 17 febbraio) e passare l'esame del Consiglio costituzionale.

Nel corso del dibattito all'Assemblea Nazionale sull'emendamento, il Ministro dell'Economia, Emmanuel Macron, ha già affermato che il Consiglio costituzionale potrebbe ritenere che non abbia relazione con “la crescita e l'attività”, che è l'obiettivo della legge.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
francialaicismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni