Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 26 Luglio |
Santi Gioacchino e Anna
home iconChiesa
line break icon

Vescovo con i suoi fedeli

© Public Domain

Lucetta Scaraffia - L'Osservatore Romano - pubblicato il 16/02/15

Mentre le nubi della guerra si addensano su Tripoli, mons. Martinelli sceglie di restare col suo gregge

A Tripoli il vescovo è rimasto nella sua spoglia cattedrale per non abbandonare i suoi fedeli. In un paese completamente musulmano, per oltre un quarantennio come francescano e poi come vicario apostolico, Giovanni Innocenzo Martinelli è sempre stato al servizio degli ultimi della terra, in un territorio immenso e continuamente in trasformazione. Martinelli infatti si è occupato sempre dei migranti, non solo cristiani, arrivati in Libia per sfuggire a guerre e da qui cercare poi fortuna in Europa.

In una diocesi composta quindi in gran parte di disperati, donne e uomini di passaggio incontrati solo per breve tempo, ma nei momenti forse più duri e incerti della loro vita, il vescovo ha garantito i primi soccorsi e soprattutto offerto amore paterno. E in questi lunghi anni Martinelli è sempre andato loro incontro, per portare aiuto materiale e una parola di affetto e incoraggiamento, anche nelle terribili prigioni dove senza motivo apparente venivano spesso internati i profughi eritrei.

Suoi fedeli sono anche le minoranze di immigrati arrivati per lavorare, che nel vescovo francescano hanno sempre trovato un punto di raccolta, un momento di comunità e di condivisione. Proprio per stare accanto a loro, a un gruppo di filippini impegnati in Libia soprattutto in lavori di assistenza negli ospedali, Martinelli non parte, pur ben consapevole di quello che sta rischiando.

Quando sono andata a trovarlo nel 2008, mi ha raccontato come questi filippini con il loro lavoro, in silenzio, dessero una grande testimonianza di amore cristiano nella società libica. Nella sua modestissima abitazione accanto alla cattedrale ha saputo spiegarmi tanti aspetti del paese dov’è nato, dove vive e che considera suo. È un padre che rimane al suo posto, uomo di coraggio come il vicario apostolico di Bengasi, il francescano Sylvester Carmel Magro: per loro dobbiamo tutti pregare.

QUI L’ORIGINALE

Tags:
libiatestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
4
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
5
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
6
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
7
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni