Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
San Casimiro
home iconNews
line break icon

Basta morti nel Mediterraneo!

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 11/02/15

Papa Francesco prega per le nuove vittime al largo di Lampedusa. Galantino: "I potenti lo applaudono ma di fatto lo ignorano"

"Seguo con preoccupazione le notizie giunte da Lampedusa, dove si contano altri morti tra gli immigrati a causa del freddo lungo la traversata del Mediterraneo. Desidero assicurare la mia preghiera per le vittime e incoraggiare nuovamente alla solidarietà, affinché a nessuno manchi il necessario soccorso". Al termine dell'udienza generale del mercoledì papa Francesco ha richiamato l'ennesima disgrazia che si è consumata al largo di Lampedusa in cui sono morte per assideramento almeno 29 persone inbarcate su un gommone che cercava di raggiungere le coste italiane.

La tragedia, però, svela proporzioni molto maggiori di ora in ora. I superstiti del barcone a bordo del quale c'erano le 29 vittime di assideramento hanno raccontato ai soccorritori che le imbarcazioni partite sabato dalla Libia erano tre. Due gommoni con a bordo 105 e 107 sono affondati quasi subito a causa del mare forza 8, provocando la morte di oltre 200 persone.

IL MEDITERRANEO PER TOMBA

"Non volevamo partire, c'era brutto tempo – hanno raccontato agli operatori di Save the Children nove giovani malesi, soccorsi a bordo di un mercantile e portati all'alba di oggi a Lampedusa -. Ma i trafficanti di esseri umani di hanno costretti sotto la minaccia delle armi e non avevamo altra scelta".Siamo partiti a bordo di quattro gommoni in 460, ma uno dei gommoni, durante la traversata, è affondato e sono morti tutti i profughi a bordo. Tra loro c'erano anche tre bambini. E' stata una tragedia, non avrei mai immaginato di vivere un incubo del genere" (AdnKronos 11 febbraio). I migranti, che hanno pagato 800 dollari a testa, erano chiusi in magazzino alla periferia di Tripoli aspettando il momento giusto per partire che i trafficanti hanno giudicato fosse sabato, nonostante le disastrose condizioni del tempo. Alcuni dei profughi hanno cercato di opporsi, ma minacciati e guardati a vista non hanno avuto altra scelta che imbarcarsi per Lampedusa. "A poche miglia dalla Libia – ha raccontato un altro testimone – uno dei quattro gommoni è affondato con oltre cento persone a bordo. Un altro gommone si è sgonfiato davanti e l'altro imbarcava acqua".

Il resto è una nuova strage nel Mediterraneo. Se i racconti dei superstiti che si intrecciano troveranno conferma le vittime potranno risultare oltre 300. Sono 75 i profughi nel Centro di accoglienza di Lampedusa. Le 29 salme dei profughi morti assiderati saranno trasferite a Porto Empedocle per essere inumate in quattordici cimiteri dell'agrigentino. L'età media delle vittime è tra i 18 e i 25 anni. Si conosce il nome solo di uno di loro, un giovane ivoriano di 31 anni.

BASTA MORTI

"Basta morti" invoca il comunicato congiunto di Aibi, Amnesty International Italia, Caritas Italiana, Centro Astalli, Emergency, Fondazione Migrantes, Intersos, Save the Children, Terre des Hommes.

"L’ennesima tragedia del mare avvenuta al largo di Lampedusa ha nuovamente confermato l’inadeguatezza dell’operazione Triton come unica misura per la gestione dei flussi migratori e la sua limitatezza nel portare soccorso ai migranti in mare". I firmatari chiedono al Governo Italiano e all’Unione europea un reale cambio di rotta nelle politiche sull’immigrazione. Non è la prima che sottolineano la necessità di "aprire immediatamente canali sicuri e legali d’accesso in Europa, per evitare ulteriori perdite di vite in mare, che consentirebbe di gestire un fenomeno ormai stabile e probabilmente in aumento". Allo stesso tempo le organizzazioni chiedono all’Italia e all’Unione europea di rafforzare ulteriormente le operazioni di ricerca e soccorso in mare e di avviare politiche che garantiscano la protezione e la tutela dei diritti umani di rifugiati, migranti e richiedenti asilo che attraversano il Mediterraneo.

  • 1
  • 2
Tags:
papa francescotragedia lampedusa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni