Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Cosa fare davanti a un furto sacrilego?

© Aleteia Image Department
Condividi

Un furto sacrilego ricorda a una comunità il valore dell’Eucaristia

Un sacrilegio è sempre una grave tragedia per la Chiesa, trattandosi di un peccato commesso direttamente contro l'elemento sacro, e, nel caso dell'Eucaristia, contro Dio stesso, presente in sostanza nel sacramento. Per una comunità parrocchiale in Nuova Zelanda, tuttavia, questa disgrazia ha significato l'opportunità di ricordare e rianimare la devozione eucaristica attraverso gli atti di riparazione convocati a causa di questo fatto.

Il sacrilegio è stato commesso quando uno sconosciuto ha rubato una pisside che conteneva un'Ostia Consacrata dal veicolo di un ministro straordinario della Comunione della parrocchia di St. Gregory nella città di Christchurch, che questi portava andando a far visita a un malato nel mese di gennaio. La notizia ha provocato la reazione della diocesi e la visita del vescovo nel tempio parrocchiale per presiedere gli atti di riparazione.

Digiuno e adorazione

“L'appello del vescovo (monsignor Barry Jones) a tutti a digiunare e a visitare il Santissimo Sacramento e (ad assistere) a Messe speciali ha aiutato ad approfondire l'amore, la reverenza e il rispetto delle persone”, ha riferito a NZ Catholic il vicario episcopale per l'Educazione di Christchurch, padre John Adams.

“Non ce lo aspettavamo, me l'ha raccontato la gente”, ha aggiunto il sacerdote, secondo il quale i cattolici locali ora sono più attenti all'importanza di difendere l'Eucaristia ed è aumentata la devozione dei fedeli al Santissimo Sacramento, non solo nella parrocchia coinvolta, ma anche nelle altre comunità della diocesi.

Padre Adams ha sottolineato la grande trascendenza del fatto per la sua gravità e ha lodato la reazione positiva della comunità di fronte al sacrilegio. “Come cattolici, crediamo che Gesù sia davvero presente nel Santo Sacramento in corpo, anima e divinità”, ha commentato. “Anche se (il furto) è stato un incidente assai sfortunato, è stato anche un'opportunità per l'insegnamento e la crescita dell'amore per Nostro Signore nel Santissimo Sacramento”.

Misure di precauzione e rispetto dovuto

Al momento del furto, la pisside, il piccolo recipiente tondo di bronzo che ha attirato l'attenzione dei delinquenti, si trovava nel vano portaoggetti del veicolo, per cui la diocesi ha insistito sulla necessità fondamentale di mantenere la reverenza dovuta al Sacramento e le misure di precauzione per evitare qualsiasi mancanza di rispetto o profanazione. 

“Questa persona (il ministro straordinario) si sente davvero malissimo. È realmente pentito”, ha affermato padre Adams, che ha consigliato ai ministri di rivedere con i propri parroci il modo di conservare l'Eucaristia in occasione delle loro visite ai malati, e preferibilmente di “assicurarsi che sia sempre sulla nostra persona”.

Il sacerdote della parrocchia è la persona responsabile della supervisione dei ministri che portano il Santissimo Sacramento ai malati in casa”, ha ricordato monsignor Mahoney a NZ Catholic.

“Ci si aspetta che venga portato direttamente dalla chiesa alla persona che deve essere visitata. Se, per via delle circostanze, la persona che verrà visitata non può riceverlo in quel momento, si consiglia che il ministro lo consumi devotamente”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni