Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
News

Papà "Robin Hood" ruba una pizza per sfamare il figlio

© Jinx!

Aleteia - pubblicato il 09/02/15

Dopo 13 anni guardate come ha rimediato

Come ogni sera il  figlio lo aspettava a casa affamato. E come ogni volta, si avvicinava minacciosa la paura di andare a letto senza cibo. Finché il padre non piombò in casa con una pizza fumante: era tutta per lui. Fu una gioia per gli occhi e la pancia del bambino che non si capacitava di quanto stava accadendo. Il padre, dal canto suo, sapeva bene cosa aveva compiuto. Sapeva anche che suo figlio non poteva restare ancora una volta senza cena. Così la decisione di rubare la pizza per sfamare il suo bambino. Oggi, dopo 13 anni, il “padre Robin Hood” non ha dimenticato il gesto compiuto in preda alla disperazione della povertà e ha voluto ridare tutto, con gli interessi. 

13 anni di rimorsi

A far parlare del fatto ci ha pensato la lettera, pubblicata da un utente su Reddit, in cui ci sono le scuse dell’uomo e i soldi delle pizze di tanto tempo prima, con tutti gli interessi. L’uomo che 13 anni prima si era trasformato in un ladro ha raccontato una storia davvero toccante in cui ha testimoniato la sua grande lealtà. Ha scritto di essere entrato quel giorno nel locale senza un soldo in tasca e con un figlio affamato a casa. Di aver deciso di ordinare quella pizza e di portarla via senza pagare. E di aver vissuto con rimorso da quel giorno per tutti questi anni. 

Tutto è perdonato

“Ho lavorato duro e costruito un business solido negli ultimi dieci anni e sentivo che era mia responsabilità porre rimedio a questa situazione. Spero che non ci siano rancori”. Il costo del pasto rubato ammontava nel 2002 a 20 dollari; oggi è stata restituita al proprietario una cifra pari a 54 dollari, in quanto l’uomo afferma “che partendo dalla somma originaria, ha calcolato un interesse dell’8% per ogni anno”. Il proprietario ha ovviamente perdonato l’uomo per l’accaduto, ed è felice del guadagno, anche se con 13 anni di ritardo. (LiberoQuotidiano.it, 5 febbraio)

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
solidarieta
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni