Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconNews
line break icon

Imprenditori cristiani: lavorare la domenica deve essere una cosa eccezionale

Paulien Osse / Flickr Cc

Mathilde Rambaud - pubblicato il 09/02/15

Leader imprenditoriale cristiano francese: se è necessario lavorare la domenica, deve avvenire in condizioni particolari

In determinate circostanze, le persone possono lavorare la domenica, ma dev'essere un'opzione eccezionale, giustamente remunerata e soprattutto compensata: lavorare la domenica non è come lavorare di martedì! Lo afferma in questa intervista Cyril de Queral, imprenditore e presidente della commissione di comunicazione dell'associazione Imprenditori e Dirigenti Cristiani (EDC) di Francia. “Se non c'è un giorno in cui tutti riposano, perderemo ogni vincolo sociale”, ha dichiarato.

Cosa pensano i membri di Imprenditori e Dirigenti Cristiani (EDC) del lavoro domenicale?

Come imprenditori e dirigenti cristiani – forse prima cristiani e poi dirigenti! -, siamo consapevoli del fatto che la Francia si trova in una situazione economica difficile, con un alto tasso di disoccupazione.

L'introduzione di nuovi modi di lavorare, di nuove legislazioni che favoriscano il lavoro, è positiva. In questo senso, siamo piuttosto favorevoli a che il lavoro domenicale sia possibile.

Per noi, tuttavia, è fondamentale che questo giorno non venga considerato come gli altri. Sarebbe estremamente negativo se lavorare la domenica fosse considerato come lavorare il martedì!

Quale sarebbe il pericolo della generalizzazione del lavoro domenicale?

Pensiamo che sia importante, al di là dei nostri valori cristiani, avere un giorno a settimana che sia “santuarizzato” e che ciascuno sappia che in quel giorno, a priori, non si lavora e ci si può ritrovare in famiglia, tra amici o tra membri di un'associazione.

In caso contrario, la vita di tutte le persone che lavorano nelle grandi città sarà prendere la metropolitana la mattina, andare a lavorare e tornare la sera a dormire. Non farebbero nient'altro tutta la settimana.

Il giorno in cui alcuni riposano gli altri non lo faranno, e il vincolo sociale scomparità. Se non c'è un giorno in cui tutti riposano, perderemo ogni vincolo sociale.

Come membri di EDC, siamo d'accordo sul fatto che esista la possibilità di lavorare la domenica, ma dev'essere qualcosa di eccezionale, giustamente remunerato e soprattutto compensato.

In che modo gli EDC cercano di aver peso nel dibattito esistente in Francia relativamente alla domenica come giorno festivo?

Cerchiamo di influire dando la nostra opinione nei mezzi di comunicazione e a qualsiasi attore del dibattito che ce lo chieda.

Gli EDC non sono una lobby. Beneficiamo tuttavia di una rappresentanza nel Mouvement des entreprises de France (MEDEF) e nella Confédération Générale des Petites et Moyennes Enterprises (CGPME).

Offriamo la nostra opinione ai sindacati professionali che possono far sentire la nostra voce.

In un periodo di forte disoccupazione, il lavoro domenicale sarebbe una soluzione per rilanciare i consumi e le contrattazioni?

Siamo d'accordo sul fatto che nella situazione economica attuale, con le difficoltà e la disoccupazione che conosciamo, si debba aprire alla possibilità di lavorare la domenica.

Questa apertura può avere un effetto benefico sull'economia, ma con questa riserva: la domenica deve lavorare solo chi vuole, ed è necessario che quel lavoro sia giustamente remunerato.

Saldi nei nostri valori e nella nostra etica, consideriamo che un salariato che compie uno sforzo speciale andando a lavorare la domenica debba essere ricompensato. Fa parte dei nostri valori di imprenditori cristiani.

Cosa afferma la legge Macron per com'è stata presentata all'Assemblea nazionale qualche giorno fa?

Propone tra zero e dodici domeniche di apertura possibile all'anno, decisi a livello locale e in accordo a livello di settore.

Questo ci sembra accettabile nel senso che non è generalizzato e c'è una negoziazione a due livelli: da un lato con il potere locale, dall'altro con il settore.

Noi difendiamo la sussidiarietà, o, detto in altri termini, il fatto che non si riservino al vertice dello Stato le leggi che prevedono tutti i casi e che siano indiscutibili.

Siamo più favorevoli a che si stabilisca un contesto e che poi ci siano negoziati sul campo tra le imprese e i partner sociali, il che sarebbe il caso di questa legge per come è stata presentata ai deputati.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni