Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 05 Febbraio |
Sant'Agata
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

La sessualizzazione dei bambini

Katy Perry, California gurls – it

© DR

LaFamilia.info - pubblicato il 06/02/15

Dobbiamo insegnare ai bambini ad essere critici nei confronti di ciò che vedono, leggono, ascoltano, navigano e “videogiocano”

In base a vari studi condotti negli Stati Uniti, la televisione, la cultura pop, le dive della musica e le riviste giovanili, tra gli altri fattori, favoriscono l’inizio precoce dell’attività sessuale delle bambine, la visione della donna come oggetto e prodotto sessuale e una certa compiacenza nei confronti della pornografia hardcore.

Negli ultimi tempi è frequente sentire i genitori che hanno figlie femmine affermare che la figlia di nove anni “da molto tempo ha abbandonato le bambole”, perché “ora le piacciono altre cose”, o che “non le piacciono più le bambole, né Minnie, né la Barbie o cose del genere. Ora è tutto un Violetta, Lady Gaga, Rihanna e quelle pazze lì”.

In un documentario del National Geographic (NatGeo) intitolato “Innocenza perduta” si affronta il tema polemico della sessualizzazione infantile, soprattutto nelle bambine, che fin da molto piccole (tra i sei e i sette anni di età) sono bombardate da tutti i fronti possibili con messaggi in cui il centro tematico è costituito dal culto del corpo, dal sesso come centro dell’esistenza umana e dal corpo femminile come oggetto e merce sessuale.

E anche i bambini non sfuggono a questi messaggi, visto che per loro ci sono sono messaggi in cui la donna fa qualsiasi cosa, sessualmente parlando, per far contento il proprio “uomo”.

Docenti di varie università degli Stati Uniti hanno dedicato anni a studiare come la cultura attuale promuova l’inizio della vita sessuale dei bambini fin da molto piccoli.

Al centro di questa cultura c’è la televisione, visto che con le sue serie, le telenovele, i reality show e il resto si è dedicata a diffondere una visione distorta e deplorevole della sessualità umana in cui l’irresponsabilità, l’idea “io voglio e posso perché è il mio corpo”, “la vita va goduta” e uomo con uomo-donna con donna-nello stesso senso e al contrario sono il pane quotidiano.

Un altro aspetto importante, sottolineano i ricercatori, è la cultura pop. Le regine, le principesse, le dive e le vagabonde del pop, con i loro corpi esposti, i loro testi e i video carichi di contenuti sessuali in cui le parti anatomiche prevalgono sulla qualità artistica, invadono costantemente i mezzi di comunicazione, soprattutto la televisione, e sono elevate alla categoria di “immortali” da canali e riviste.

Osservando casi come Lady Gaga, Miley Cyrus o Kate Perry, gli esperti affermano che il sesso è diventato l’asse dell’esistenza e la sessualità umana è stata primitivizzata, perché l’unico modo che hanno per spiccare e mostrarsi al mondo è proprio questo: mostrarsi.

L’incitamento sessuale e il doppio senso fanno parte della cultura pop attuale. Cosa si può pensare quando l’ex principessa Disney Hanna Montana, dolce, sognatrice e femminile è oggi sessuale, esplicita e pornografica? E non esagero, né sono un bacchettone o un cavernicolo, come affermano coloro che più che argomentazioni hanno offese.

Mi baso semplicemente sul senso comune: mia figlia di 10 anni che vede la sua Hanna diventata Miley Triple XXX. E i più grandi artisti, di ieri e di oggi, hanno criticato la Montana per il suo atteggiamento, che nelle parole di suo padre è far parte del “business show”.

Uno studio realizzato dall’Istituto per la Familia dell’Università di La Sabana, in cui sono stati intervistati circa 10.000 bambini e bambine di tutto il Paese, indica che l’età media alla quale le bambine colombiane iniziano l’attività sessuale è 13 anni. E tra gli aspetti che adducono sul motivo di questo atteggoamento c’è il contesto sociale e mediatico.

Genitori: ora più che mai dobbiamo essere mediatori del consumo mediatico dei nostri figli. Dobbiamo orientarli, guidarli, aiutarli, insegnare loro ad essere critici su ciò che vedono, leggono, ascoltano, navigano e videogiocano.

Le principesse Disney oggi sono stelle sessuali senza limite e rispetto, si vuole normalizzare la confusione sessuale (alcuni lo chiamano “orientamento”…); il corpo umano, soprattutto quello femminile, viene volgarizzato e mercificato come oggetto sessuale da possedere; il corpo femminile si vende sulle copertine delle riviste come i prodotti al supermercato e in libreria (alcuni lo chiamano “progressismo”…) e ai bambini viene inculcato che devono essere “potenze” sessuali di una donna che ha il suo corpo e la sua sessualità per trattenerli.

E non parliamo dei costumi da bagno per le bambine tra i 6 e i 10 anni con ripieno di spuma, o delle feste infantili nelle spa, in cui vengono truccate, pettinate e vestite perché “brillino” per i bambini che parteciperanno alla festa.

È questo il panorama, questa è la realtà. Noi genitori ed educatori abbiamo un compito enorme che ci aspetta. La sessualità è una bella dimensione della persona umana, da affrontare con rispetto, responsabilità e maturità.

E dobbiamo lasciare che i bambini siano bambini, innocenti, creativi, allegri, e non farli crescere prima del tempo.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
educazione sessuale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni