Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
San Casimiro
home iconNews
line break icon

Charles Townes, inventore del laser, vincitore del Premio Nobel e credente in Dio

Public Domain/Wikimedia Commons

John Burger - Aleteia - pubblicato il 03/02/15

Una vita dedicata a esplorare l'universo non solo fisico, ma anche spirituale

Nella storia della filosofia, il fisicalismo è una visione del mondo in base alla quale nell’universo non esiste nulla al di là delle cose fisiche. Charles Hard Townes, vincitore del Premio Nobel per la Fisica e grande conoscitore del mondo fisico, non concordava con questa idea.

Acclamato per le sue idee brillanti nel campo della fisica e noto per il contributo che ha dato alla creazione del laser, Townes ha mantenuto una fede profonda e permanente in qualcosa che non può essere spiegato dalla scienza.

Religione e fede, ha detto in un’intervista del 2005 al giornale dell’Università della California a Berkeley, hanno “un significato molto profondo per me: sento la presenza di Dio. Sento questa presenza nella mia vita come uno spirito che in qualche modo è sempre con me”.

Il lavoro di Townes ha beneficiato in molti modi tutta l’umanità. Il laser è onnipresente nella vita moderna, dalle tante modalità tecnologiche di comunicazione al modo di ascoltare la musica, senza dimenticare le possibilità innovative delle procedure chirurgiche. Milioni di persone, la settimana scorsa, hanno letto la notizia della morte di Townes su Internet, una rete la cui alta velocità di tramissione di dati dipende dai cavi di fibra ottica, che a loro volta funzionano grazie all’invenzione del laser.

Lo scienziato, morto a 99 anni, ha anche trascorso molto tempo pensando, scrivendo e parlando di un tipo di scienza diversa: la teologia. I suoi sforzi gli sono valsi nel 2005 il Premio Templeton per il Progresso nella Ricerca e nelle Scoperte su Realtà Spirituali. L’Associated Press ha pubblicato la notizia della sua scomparsa ricordando che “Townes era noto anche per la sua forte fede spirituale. Membro della Chiesa Unita di Cristo, nel corso della sua carriera si è ha attirato elogi e scetticismo con discorsi e saggi basati sulle similitudini tra scienza e religione”.

“La scienza cerca di capire com’è e come funziona il nostro universo, inclusi gli esseri umani”, ha scritto Townes nel 2005, quando gli è stato conferito il Premio Templeton per i suoi contributi nell’“affermare la dimensione spirituale della vita”. E proseguiva: “La mia opinione è che la scienza e la religione possono sembrare diverse, ma hanno molte similitudini e dovrebbero interagire e illuminarsi a vicenda”.

Nel 1966 aveva pubblicato l’articolo “La Convergenza di Scienza e Religione” sulla rivista THINK, dell’IBM. La differenza tra scienza e religione “è in gran parte superficiale”, scrisse; “entrambe diventano quasi indistinguibili quando guardiamo alla vera natura di ciascuna”.

In un’epoca in cui molti scienziati evitano con vigore ogni legame con la religione, le opinioni espresse nell’articolo sono state viste come una “blasfemia” dai membri di entrambe le comunità. Nel corso degli anni, Townes ha scritto e parlato molte volte della questione.

“Molte persone non capiscono che la scienza, fondamentalmente, implica presupposti e fede. Ma nulla è assolutamente provato”, ha dichiarato all’epoca. “Cose meravigliose, sia nella scienza che nella religione, derivano dai nostri sforzi basati su osservazioni, ipotesi attentamente pensate, fede e logica”.

“In qualche modo noi esseri umani siamo stati creati a somiglianza di Dio”, ha detto al giornale dell’Università della California. “Abbiamo il libero arbitrio. E nella misura in cui impariamo sempre di più, rafforziamo questa nostra caratteristica. Che tipo di vita ci costruiremo? È su questa questione che l’universo è aperto. Il proposito dell’universo, penso, è presenziare questo sviluppo e permettere che gli esseri umani esercitino la libertà di fare cose che portino risultati positivi per loro e per il resto del mondo”.

  • 1
  • 2
Tags:
fede e scienza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni