Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
San Casimiro
home iconChiesa
line break icon

Sono sicura che Gesù capisce il mio dolore per un figlio non nato

Renan Marks / Flickr / CC

Il blog di Costanza Miriano - pubblicato il 02/02/15

Per la festa della Candelora non ho nessuna voglia di andare alla Messa solenne. Mi sceglierò una Chiesetta nascosta...

Oggi è la festa della Presentazione di Gesù al tempio, la Candelora, ed io come da un po’ di anni a questa parte non ho nessuna voglia di andare alla Messa solenne. Mi sceglierò una Chiesetta nascosta, con una cerimonia semplice, dove nessuna donna in attesa o madre gioiosa voglia portare i propri pargoletti per la benedizione di rito. La mia carne si ribella a tanta festante umanità ed il Dio in cui credo che si è fatto carne, corpo e sangue, mi nutrirà nel nascondimento di una Messa di tutti i giorni.

Sono sicura che Gesù capisce il mio dolore. E non solo perché è l’Onnipotente e l’Onnisciente, ma perché ha avuto una nonna, Anna, che ha aspettato per anni una figlia (e che figlia!) e una cugina, Elisabetta, il cui figlio è arrivato fuori tempo massimo, nella tacita incredulità del marito.

E dire che un figlio l’ho avuto anche io, dieci settimane di vita, un pallino pulsante per i miei occhi, prima ed ultima fotografia di un compleanno mai stato.

So che ci sono delle mamme e dei papà che sentono fortemente la presenza dei propri bambini non nati, come nel racconto di Giovannino Guareschi (Ci) scritto negli anni di prigionia in un lager nazista.

E Ci – non nato – visse. E fu sempre con suo padre, e anche ora è qui con lui, e nessuno lo sa. Il tempo passa per gli altri suoi figli, ed essi invecchiano minuto per minuto: ma per Ci il tempo non esiste, ed egli eterna la sua giovinezza. Ha tre figli: due sono il legame fra lui e la vita; Ci è il legame fra lui e la morte. Due gli fanno dolce la vita; Ci gli fa dolce la morte.

Meraviglia! Non è così per me, io non mi sento così. Ma una delle novità più grandi che ho scoperto dal mio padre spiritale è che non ci dobbiamo fidare di quello che sentiamo, che il sentire, l’emozione, il fremito non sono l’unica chiave di lettura delle cose, inevitabilmente passano.

Questo bambino, dunque, non lo sento, ma so quanto l’esperienza della sua perdita mi abbia colpito profondamente. Le lacrime delle prime gocce di sangue, anticamera dell’abbandono di quel pezzo di carne che ero io e non ero io, le gambe tremanti, e non in senso metaforico, ogni volta che salivo su una sedia da ginecologo. Scoprire che non si è immuni al dolore e che anche se lo si conosce, ci sono momenti in cui non gli si può più sfuggire e l’unica cosa da fare è aprire le braccia ed offrire.

E tutto questo soffrire, offrire, soffrire ed offrire, all’interno dell’amore per il mio sposo, ha fatto sì che prendessi profondamente possesso della mia femminilità, nel cuore della mia femminilità, in quel ventre ferito, veramente tagliato, che accoglie in potenza la vita. Quanta inconsapevolezza in tanti rapporti d’amore non vissuti in pienezza. Quanta bellezza nell’amore anche fisico tra due sposi.

Ebbene non sento quel figlio non nato, ma ci sono persone in carne ed ossa nella mia quotidianità per le quali so di essere madre di gesti, attenzioni, ascolto, parole. Quanto possiamo essere padri e madri in quel corpo di Cristo che è la Chiesa, in cui siamo tralci tagliati, ma per portare frutto. Ed il frutto è il figlio della pianta, mi sembra. Chiedo al Signore questa pienezza di maternità, così come lui con la consacrazione la dona ai suoi sacerdoti e alle sue suore.

Così nella festa della Candelora, la festa della Luce di Cristo che illumina le genti, chiederò per loro le benedizioni di Dio Padre, ringraziando di avere un padre non biologico che le chiede per me ogni giorno.

QUI L'ORIGINALE

Tags:
candeloratestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni