Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Potresti riprendere in mano il tuo strumento preferito?

Condividi

Suonare fa miracoli. Nella testa e nell'anima

Quando ascolti della musica, si attivano molteplici aree del tuo cervello, ma quando suoni uno strumento… boom! Questa attività diventa più simile a uno scoppiettante allenamento del cervello a tutto campo. Cosa succede?

In questo video vengono spiegati gli stupefacenti fuochi d’artificio che esplodono nel cervello dei musicisti quando suonano, evidenziando gli effetti positivi a lungo termine di questo straordinario allenamento mentale.

Le 3 funzioni della musica 
Secondo Benedetto XVI, grande amante della musica oltreché provetto pianista, esistono importanti funzioni che si possono attribuire alla musica e alla sua sacralità. Lui stesso è consapevole che la conoscenza della teoria musicale e la sua conseguente applicazione hanno giovato al processo educativo della sua infanzia, diventando anche occasione di gioia e di condivisione degli affetti familiari. Il 30 dicembre 2010 durante l’udienza coi "pueri cantores" convenuti a Roma da tutto il mondo per celebrare il loro XXXVI congresso internazionale, Benedetto aveva elencato le caratteristiche più importanti della musica, in particolare di quella sacra:

1. Il canto è anzitutto «un servizio a Dio». Il Papa aveva ricordato il Sermone 34 di sant’Agostino (354-430), dove si afferma che «il canto è un’espressione di gioia e di amore». «L’incontro di amore tra l’anima e il Signore» ha come suo frutto naturale la gioia, e subito ne scaturisce il desiderio di esprimerla.

2. La musica è un «servizio agli altri adoratori». La preghiera non è sempre facile. Sia la mente sia il cuore rischiano di distrarsi e di non trovare la strada verso Dio. Ecco allora che la musica sacra – quella vera – diventa «un aiuto per innalzare i cuori e le menti nella preghiera».

3. «La musica sacra – ha detto il Papa – è un servizio a tutta la Chiesa». Non solo: «permette di pregustare la liturgia celeste, nella quale i cori degli angeli e dei santi si uniscono in un canto senza fine di amore e di lode».

Tags:
musica
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni