Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
San Casimiro
home iconNews
line break icon

Non è omofoba l’università canadese che difende il matrimonio

© Petr Jilek/SHUTTERSTOCK

Massimo Introvigne - La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 02/02/15

La Corte Suprema proclama «il diritto dei cittadini canadesi a poter vivere e lavorare anche se hanno opinioni che possono sembrare fuori moda»

C'è un giudice ad Halifax, nella provincia canadese della Nova Scotia, che non ha paura di sfidare la collera della lobby gay. I nostri lettori dotati di buona memoria ricordano il caso della Trinity Western University (clicca qui), una delle più grandi università protestanti canadesi. Questa università, i cui titoli sono legalmente riconosciuti, fa sottoscrivere agli studenti un codice di comportamento, che vieta – tra l’altro – l’accesso a siti pornografici usando la rete WiFi dell’ateneo, il consumo di alcool all’interno del campus universitario, e nei dormitori «l’astensione da forme di intimità sessuale che violino la sacralità del matrimonio tra un uomo e una donna». Questo codice è analogo a molti che sono in uso da anni negli Stati Uniti. Tuttavia, a causa del codice nel 2013 l'università è stata sottoposta a procedimento da parte di un organo amministrativo, la Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Legge canadesi, che ha deciso d’intervenire con una lettera in cui chiede agli Ordini degli Avvocati di non ammettere alla pratica forense e all'esercizio della professione i laureati in legge della Trinity West University, perché – se quando erano studenti hanno sottoscritto il codice di comportamento – sono fortemente sospetti di omofobia.

Perché di omofobia? Secondo i presidi, perché impegnandosi ad astenersi da rapporti prematrimonialinei dormitori, gli studenti di legge della Trinity West University dichiarano di voler così onorare «la sacralità del matrimonio tra un uomo e una donna». Dal momento che in Canada c’è il matrimonio omosessuale, la frase sarebbe omofoba perché implicherebbe che solo il matrimonio «tra un uomo e una donna» sia sacro. Non si trattava di vane minacce. In tre province canadesi – l'Ontario, che è quella più importante per la pratica legale a livello nazionale, la Columbia Britannica, dove l'università ha sede, e appunto la Nova Scotia – gli ordini degli avvocati hanno deciso di non ammettere nelle loro fila i legali laureati alla Trinity West University, anche se diventati regolarmente avvocati in altra provincia del Canada, in quanto sospetti di omofobia. La Trinity West University, che gestisce la più importante facoltà di legge del Canada fra le università confessionali, ha risposto con una serie di azioni legali. La Corte Suprema della Nova Scotia ora le ha dato ragione (clicca qui). 

La Corte Suprema argomenta che, benché la maggioranza dei canadesi ormai consideri il matrimonio come una via aperta anche alle persone dello stesso sesso, coloro che ne hanno una visione diversa «non sono paria morali che devono essere nel migliore dei casi rieducati e nel peggiore puniti dal governo». Le autorità non possono imporre, secondo la sentenza, né il «relativismo morale» né «l'ipocrisia», costringendo gli avvocati laureati alla Trinity West University ad affermare la loro lealtà a una visione del matrimonio che, se hanno scelto quella specifica università, verosimilmente non condividono. Più che l'omofobia, conclude la sentenza, è in gioco «il diritto dei cittadini canadesi a poter vivere e lavorare anche se hanno opinioni che possono sembrare ristrette e fuori moda ad altri».

La sentenza è una ventata d'aria fresca, e mostra che le cause in materia di omofobia non sono sempre è necessariamente cause perse. Anche se riguarda solo la Nova Scotia: nelle due province economicamente più rilevanti per l'università, Ontario e Columbia Britannica, gli avvocati laureati alla Trinity continuano a non potere esercitare.  Le cause sono in corso, ma nella Columbia Britannica il governo provinciale è sceso in campo con tutte le sue risorse contro l'università protestante. Non resta che sperare che altri giudici si mostrino ugualmente coraggiosi.

QUI L'ORIGINALE

Tags:
matrimonioomofobia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni