Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Era necessario che tu morissi amore mio…”

© DR
Condividi

Enrico Petrillo ricorda la testimonianza d'amore della moglie Chiara

Era necessario che tu morissi, amore mio, era necessario. Perché i ciechi vedano, perché chi ha sete beva, perché i superbi siano dispersi nei pensieri del loro cuore e perché il Suo popolo sappia che la schiavitù è terminata e il Re viene nella gloria. Questo libro serve semplicemente per testimoniare, a chi vuole aprire il suo cuore, che Dio è buono e che si può morire felici. Soprattutto serve a me, per non dimenticare. Ho visto, solo per grazia, quello che molti profeti e re avrebbero voluto vedere ma non videro. Sarei colpevole se tacessi. Devo testimoniare. Io da qui e tu ora da lì, uniti in un amore per noi nuovo, diverso, ma non certo più debole. Per scrivere questo libro ho pensato a Simone e Cristiana: chi meglio di loro, amici intimi con cui abbiamo condiviso tanti segreti della nostra anima, camminando insieme nella stessa direzione, parlando la stessa lingua, testimoni diretti anche loro di questa storia meravigliosa? Ho pensato a loro e credo proprio di aver fatto bene. Mi avrebbe fatto piacere scriverlo io stesso, ma in un raro momento di onestà infinita mi sono detto: «Ma quando? Ancora non hai capito in quale cassetto tieni i calzini e in quale le mutande! Meglio loro». Loro sono perfetti. Ho condiviso questa idea con padre Vito che l’ha benedetta. Quindi li ho scelti: pregano, hanno un cuore puro e desiderano il bene. C’erano sempre, da quando li abbiamo conosciuti ad Assisi, da fidanzati. Noi al loro matrimonio e loro al nostro, un mese dopo.

QUESTO LIBRO PARLA DI TE, DI NOI E DI COME DIO AMA

Erano lì a pregare per noi fuori dalla porta quando nasceva Maria e poi al suo “funerale”; erano lì quando è nato Davide e ancora al suo “funerale”; erano sempre lì, al battesimo di Francesco e infine alla nostra Pasqua, quando tutto si è compiuto. Chi meglio di loro poteva scrivere questo libro? Simone, che ha studiato editoria, aveva tutte le carte in regola per stendere in modo efficace il tuo racconto; Cristiana, l’amica con cui più di tutte hai condiviso la fede. Lei conosce alcuni segreti del tuo cuore… Conversazioni tra donne di intelligenza superiore. Quanta bellezza, quanta Provvidenza. E così ce l’hanno fatta. È stato faticoso per loro, hanno pregato insieme tutte le mattine prima di iniziare a lavorare, hanno ascoltato ore e ore di testimonianze raccolte tra gli amici più stretti. Hanno sbobinato e riassemblato tutto con cura e hanno finito di scrivere, non un libro romantico ma un primo libro che parla di te, di noi e soprattutto di Dio, di come Lui ama. È solo un primo libro, so già che se ne scriveranno tanti altri, in tante lingue. Mi hai detto delle frasi pesanti come tomi di teologia. Chissà se quando me le dicevi te ne rendevi conto… Io credo proprio di sì. Diligentemente me le appuntavo per non dimenticare. Già, per non dimenticare.

[Prefazione firmata da Enrico Petrillo, marito di Chiara Corbella, al libro “Siamo nati e non moriremo mai più” di Simone Troisi e Cristiana Paccini (Edizioni San Paolo)]

Pagine: 1 2

Tags:
chiara corbella
Top 10 d’Aleteia
  1. I più letti
  2. Gelsomino Del Guercio/Aleteia Italia
    Catalina Rivas: Gesù e la Madonna mi hanno …
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.